Marocco città, i posti migliori da visitare

Le città del Marocco e la loro storia

Le città del Marocco, i posti migliori del paese che dovreste visitare!

Il Marocco offre un insieme di città conosciute in tutto il mondo, che offrono molti bei punti di riferimento e siti che sono semplicemente sbalorditivi. Chiaramente, ciò che ha reso belle queste città è la posizione tra molte grandi culture ed entità. In altre parole, la posizione geografica tra l’est e l’ovest ha fatto del Marocco e delle sue città un luogo dove diverse culture si sono incontrate e hanno lasciato una grande storia di rovine, artefatti, minareti, grandi torri, kasbah… In questo blog Touring In Morocco, offre un insieme di città che dovreste prendere in considerazione quando visitate il paese.

Nota! Touring In Morocco è un esperto nel fornire tour in giro per le nostre città del Marocco

Marrakech, la città più trafficata del Marocco

Oggi Marrakech è diventata una città molto turistica e attraente per le sue pratiche, l’arredamento, i riad e anche le ville di lusso. Ma soprattutto, questa città ha anche una storia di oltre 9 secoli. La sua cultura e la sua storia sono piene di diverse dinastie, battaglie, fondazioni e diversità culturale. In questo blog, leggerete le cose e i fatti più importanti su questa città marocchina.

Marocco città

La nascita e lo sviluppo di Marrakech (1062 – 1147)

Marrakech è stata fondata nel 1062 da Youssef Ben Tachfin. All’inizio era un campo debole fatto di rami e di piccoli luoghi diversi. Ben presto, con l’arrivo della dinastia degli Almoravidi, costruirono nuove solide costruzioni. Poco a poco, la città si è sviluppata con l’aiuto di Ben Tachfin che ha creato buone basi per pozzi, condotti sotterranei e rifornimenti d’acqua. Di conseguenza, questo permise alla città di vivere e di cadere nella prosperità. In generale, Youssef Bentachafin ha avuto un ruolo importante nella storia di molte città del Marocco, non solo di Marrakech.

Marrakech divenne poi la capitale del sud del Maghreb, diventando sempre più importante nella regione. Nel 1130 il figlio del leader ne assunse il controllo. Sviluppò ulteriormente la città negli arrivi d’acqua, aumentando la cultura e la costruzione, rafforzando la capitale. Tuttavia, nel 1147 la dinastia almohade attaccò Marrakech. Prima furono guidati da Ibn Toumert e poi da suo figlio Abd al-Moumin ben Ali. I fanatici religiosi uccisero gran parte della popolazione della città e poi presero il controllo totale della città.

La riconquista di Marrakech da parte di ALMOHADS

Ben Ali, detto anche “il costruttore” e rappresentante del nuovo emiro della dinastia almohade. Sviluppò Marrakech costruendo vari luoghi di culto come la Koutoubia nel 1157 e il giardino della Menara. Suo figlio, Abou Yacoub Youssef, riprese le sue azioni sviluppando la città in modo più forte. Come la creazione della moschea della Kasbah, nuovi palazzi ed edifici religiosi. E ancora di più, mura per proteggere la città e giardini pubblici che la rendono più attraente. Inoltre, ha posto un forte accento sul commercio, che ha reso la città del Marocco più accattivante per i nuovi arrivati. Inoltre, più dinamica per gli abitanti già stabiliti.

Il periodo impressionante della storia di Marrakech

Abou Yacoub Youssef morì nel 1199. Poi suo figlio, Mohammed en-Nasir, prese il controllo di Marrakech e di altre città del Marocco. Essendo cristiano, decide di stabilirsi a Fes e di mettere da parte Marrakech, per la sua più grande disperazione. Così, la città marocchina è rimasta in attesa per lunghi decenni, mettendo Marrakech in profondo isolamento per oltre 250 anni. In seguito, il saadiano Ahmed Aredj si impadronì di Marrakech e la ribattezzò capitale del Marocco. Fu una breve rinascita per “la città rossa” con l’inizio della conquista del commercio con il controllo totale del fiume Niger e del Marocco. Grazie al commercio dell’oro del Sudan, Marrakech si arricchì. Purtroppo, non molto tempo dopo la morte del leader saadiano, Marrakech fu di nuovo abbandonata, oltre ad altre città del Marocco.

Marrakech diventa una delle più importanti città turistiche del Marocco

Nel ventesimo secolo, sotto le colonie francesi, Marrakech perse completamente la sua posizione di capitale nel 1912 per concederla alla città di Rabat. Tuttavia, Marrakech ha conservato i suoi habitat e tutto il suo patrimonio. L’aspetto della vecchia capitale ha fortemente ispirato la costruzione della nuova città di Gueliz. Dimostrando anche l’importanza e l’influenza di Marrakech nonostante la sua perdita di posizione. Oggi, più di un milione di abitanti vi abitano.

Marrakech è la quarta città più grande di tutto il Marocco e c’è stato un aumento vertiginoso del turismo. Infatti, dipende principalmente da questo settore che genera molta economia per il paese. I turisti vengono generalmente a visitare i palazzi, i famosi giardini e le magnifiche ville, i riad atipici e i tour esotici.

La città culturale di Fes

La città “Medinat Fas o Fes” è stata fondata da Idrîs I nel 789 al posto degli attuali quartieri andalusi nel centro del Marocco. Nell’809, Idris II fondò “al-Aliya” dall’altra parte dello wadi di Fes. Al Aliya crebbe molto rapidamente e divenne una vera e propria città con una moschea, un palazzo e un kisariya (sala, mercato). Le vitali fonti d’acqua intorno a Fes furono senza dubbio un fattore importante nella scelta del luogo per la futura metropoli.

Città marocchine

I seguenti sviluppi sono dovuti a due ondate successive di emigrazione. In primo luogo, a partire dall’817-818, quasi 800 famiglie andaluse furono cacciate dalla città spagnola di Cordoba dagli Omayyadi. Poco dopo circa 2000 famiglie bandite da Kairouan si stabilirono dall’altra parte del fiume. La moschea universitaria “al-Qarawiyin”, fondata nel IX secolo, divenne uno dei più importanti centri spirituali e culturali dell’Islam.

I nuovi arrivati hanno portato con sé sia competenze tecniche e artigianali che una lunga esperienza della vita urbana marocchina. Sotto il loro impulso, Fes è diventato un importante centro culturale dopo la fondazione della moschea dell’Università di Qairawin.

Fes si trova in una posizione particolarmente attraente in Marocco piuttosto che nelle altre città. Al crocevia di importanti rotte commerciali, nel cuore di una regione naturalmente generosa con materie prime preziose per l’artigianato. Questo ha aiutato la città a svilupparsi molto rapidamente. Fes si trova sulla rotta delle carovane che va dal Mediterraneo all’Africa passando per la grande città commerciale Sidjilmassa nella regione di Tafilalt.

Medioevo

Le due parti di Fes si sono unite nel Medioevo, distruggendo il muro che le separava. Fes perse il suo ruolo di capitale con la fondazione almohade di Marrakech nell’XI secolo, ma la riconquistò nel 1250 grazie alla dinastia dei Merinidi. Sotto il loro regno, la nuova città El Medinet El-Beida (la città bianca) fu fondata nel 1276.

Era pieno di bastioni, palazzi e giardini. Ben presto divenne famosa come Fez Djedid (il nuovo Fez) in opposizione a Fez el Bali (la città vecchia). La popolazione ebraica intorno al palazzo fu costretta ad andarsene e il Mellah si formò nell’antico quartiere della guarnigione degli arcieri siriani. All’inizio del XIV secolo (apogeo dell’arte ispano-moresca), la città conobbe una forte crescita. Grazie alle carovane che girano per la città, l’università di Fes divenne nota in tutto il mondo. Infine, nel 1471, la città cadde nelle mani della dinastia dei Beni Wattas.

XVI-XVIII-XIX secolo

Nel 1522, Fes subì un terremoto che distrusse in parte la città. Negli anni successivi, molti edifici furono sostituiti da nuovi. La dinastia saadiana prese Fez nel 1554, ma scelse Marrakech come capitale. Alla fine del XVII secolo, Moulay Ismail scelse Meknes come nuova capitale. Insediò a Fes una parte del clan Udaia che lo aveva aiutato ad ottenere il potere. Dopo la sua morte (1727), la rivolta degli Udaia, saranno cacciati da Fez solo nel 1833 da Abd er Rahman. Moulay Abdallah fece di Fes la sua residenza e costruì moschee, scuole (madrasse), ponti e strade nuove o rinnovate.

Nel XIX secolo, le due parti antiche della città furono collegate a nuove costruzioni come il Palazzo Boujloud. Fino all’inizio del protettorato nel 1912, Fes era la capitale del Marocco.

Il protettorato francese e l’indipendenza della maggior parte delle città del Marocco

A Fez, il 30 maggio 1912 fu firmato il trattato di protettorato francese e spagnolo (per il nord del Paese e il Sahara occidentale). Meno di tre settimane dopo la firma, scoppiarono rivolte in città. Rabat ha dichiarato ufficialmente la capitale del Marocco. Tuttavia, è rimasta un’importante residenza reale e un centro culturale, artigianale, commerciale ma anche politico. L’Istiklal (Partito dell’Indipendenza) è stato fondato a Fes da Allal El-Fassi. Molte delle iniziative per cacciare gli occupanti francesi sono partite da Fez. Nel 1944, il manifesto per l’indipendenza fu scritto in una casa della vecchia medina, l’odierna Place de l’Istiglal.

Sotto la direzione di Lyautey e secondo i progetti dell’architetto Henri Prost. Una nuova città si sviluppa nelle vicinanze di Dar Debibagh a sud di Fes Djedid. Anche se inizialmente era la zona residenziale degli europei. La “nuova città” continua a svilupparsi come una moderna città araba con nuovi quartieri di ville. Vi si insediarono autorità, istituzioni e società di servizi.

Fes attualmente

Attualmente, a Fes, ci sono circa 1.400.000 abitanti. È una delle città più grandi del Marocco e oggi la città è divisa in due parti:

La vecchia Medina di Fes è considerata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per il Marocco e la nuova città di Fes (Dar Dbibegh). Così, è in questa parte di Fes che la modernità (centri commerciali, edifici, hotel a 5 stelle …) e la cultura si incontrano.

Negli ultimi decenni il turismo ha continuato a crescere (1 milione di visitatori all’anno) ed è diventato un importante fattore economico. Questo è diventato ancora più importante grazie ad eventi culturali come quello che si tiene a giugno di ogni anno < il Festival di Musica Sacra del Mondo>.

Casablanca, la città economica

La storia di Casablanca trae le sue fondamenta nelle sue molteplici identità che mantengono un gusto pronunciato per l’incrocio di culture, colori e ritmi. Nel corso dei secoli, la città ha subito molte influenze: Romano, fenicio, arabo e berbero, poi europeo e persino americano. L’attrattiva della città è dovuta alla sua posizione geografica alle porte dell’Europa e dell’America. La sua posizione sulla costa atlantica nell’Africa nord-occidentale le permette di accedere a varie risorse.

i migliori posti da visitare in Marocco

Beneficiando di una posizione centrale sulla costa atlantica. La città fu costruita sul sito dell’antica città medievale di Anfa, che più tardi divenne il piccolo porto di Dar-Al-Baida. La vecchia Anfa fu, a sua volta, costruita, poi distrutta, poi assediata e poi ricostruita. La città conobbe la decadenza e cadde nell’oblio per secoli prima di rinascere come Casablanca all’inizio del XIX secolo. Tuttavia, grazie alla sua ricchezza, al porto e all’attività commerciale. Casablanca sta diventando la prima tra tutte le città del Marocco e uno degli agglomerati più importanti dell’Africa. Pur rafforzando la sua posizione di hub regionale e continentale.

Casablanca oggi, la più importante città economica di tutto il Marocco

Casablanca, moderna, aperta, rumorosa e colorata, ha iniziato ad espandersi nel ventesimo secolo. Il risultato: una città attraente dove le popolazioni multiculturali si sono sempre mescolate, vivendo in case con stili architettonici eterogenei e all’avanguardia. Ma soprattutto, è qui che la riflessione sull’urbanistica architettonica è sempre stata presente.

La capitale economica del regno offre il volto di una megalopoli rivolta verso il futuro. La città è oggi la vetrina moderna del Marocco e delle sue città.

Il vero motore economico e finanziario dell’economia nazionale rappresenta oggi il 50% del PIL nazionale. Il suo porto prosciuga tre quarti del commercio nazionale. Inoltre, il suo aeroporto internazionale è il primo del paese. Anche la metropoli sta vivendo un cambiamento nella sua economia e oggi sta dispiegando le sue risorse nel settore terziario e dei servizi, in particolare nella tecnologia.

Meknes, una delle città più antiche del Marocco

Meknes è stato classificato nel dicembre 1996 come Patrimonio dell’Umanità dalla Commissione Inter-Governativa dell’U.N.E.S.CO.

meknes città

È una delle quattro città imperiali del Marocco. Durante il regno di Moulay Ismail (1672 – 1727) ha vissuto un periodo di grande prosperità. Ciò che resta di quest’epoca di grandezza e delle epoche precedenti fa di questa città una tappa importante in ogni viaggio in Marocco. Moulay Ismaïl scelse Meknes come capitale per ragioni strategiche, politiche e geografiche. Per situare il tempo, ricordate che fu Luigi XIV a regnare in Francia. L’aneddoto conosciuto è la proposta di matrimonio di Moulay Ismaïl con una delle figlie di Luigi XIV che non ha avuto luogo, il pretendente avendo già 3 mogli. Pieno di umorismo Luigi gli mandò tre orologi Comtois che sono ancora visibili nel mausoleo.

La Kasbah di Meknes

Oltre al suo evidente interesse architettonico anche per il turista meno esigente. La Meknes Kasbah è di singolare importanza perché è la prima grande opera della dinastia alauita. Una dinastia che ha regnato in Marocco per oltre 300 anni.

La Kasbah Ismaili nella città di Meknes è parte integrante della storia dell’architettura marocchina. I suoi monumenti colpiscono l’immaginazione sia per la loro apparente diversità che per la loro fondamentale omogeneità. Un certo numero di porte particolarmente evidenziate nella pianta decorativa (Bab Mansour Laalej e Bab Errih), danno accesso a un palazzo o a un sottoinsieme o anche alla Kasbah nel suo insieme. Sono essenzialmente queste porte che giustificano il nome di “Meknes, la capitale dalle belle porte”.

Uno sguardo alla storia di questa città marocchina

La città ha un patrimonio impressionante e una storia affascinante. Prende il nome dalla tribù berbera dei “Meknassas” che dominarono il Marocco orientale fino a Tafilalet nel VI secolo. Anticamente era occupata da antiche civiltà, i Romani, che hanno costruito anche la città di Volubilis. La città sarà conquistata dagli Almoravidi nel 1061 che ne faranno una città militare. In seguito si evolverà sotto la dinastia degli Almohadi di Abdelmoumen, poi dei Merinidi. Ma è alla fine del XVII secolo che la città conoscerà un importante sviluppo. A quel tempo era sotto il regno del potente sultano Moulay Ismail, dal 1672 al 1727, che ne farà la capitale dell’impero alauita.

L’obiettivo di Moulay Ismail era allora quello di trasformare il Regno in una grande potenza regionale. Sapeva come dotarsi di un potente esercito in grado di tenere lontani i portoghesi, gli ottomani e le tribù locali. Grazie alle ricchezze guadagnate con la rivendita e lo scambio dei cristiani catturati in mare dai corsari di Sale. Il sultano iniziò la costruzione di importanti edifici. Come le grandi mura lunghe diverse decine di chilometri, le moschee, le porte monumentali tra cui la famosa porta “Bab Mansour”. Costruirà anche il padiglione degli ambasciatori, che sarà utilizzato per gli scambi e le trattative dei prigionieri.

Sotto questo padiglione, un labirinto misterioso, la prigione di Cara, dove venivano tenuti i cristiani catturati in mare. Poco conosciuta, è la più grande prigione sotterranea, che copre gran parte della città. Ancora di più, si dice addirittura che alcune persone siano entrate senza poterne uscire, altre pensano che sia infestata. Dopo molte disavventure da parte dei visitatori, si dice che una parte della prigione sia stata chiusa ai visitatori.

Rabat, l’attuale capitale del Marocco

Affacciata sull’Oceano Atlantico, Rabat è delimitata da un lungo nastro di morbida sabbia bionda. Gli ampi viali sono coltivati a palme. I bastioni dorati della città vecchia abbracciano le case della città moderna fino al biancore abbagliante. In effetti, questa città piena di fascino e poco turistica deve essere piacevole da vivere. Non fa troppo caldo. Il termometro raramente supera i 30°C perché l’oceano vaporizza un leggero velo di nebbia che tempra il calore del sole.

Rabat città

All’inizio del XX secolo, la città ha nominato la capitale al posto di Fez. Rabat è diventata il centro politico, amministrativo e finanziario del regno. Di conseguenza, è stata tracciata un’arteria principale, la via Mohammed V, fiancheggiata dall’ufficio postale, dalla stazione ferroviaria e dal palazzo di giustizia che risale all’epoca del protettorato. Il Palazzo Reale di Rabat, Dar El Makhzen, è il centro del governo. È un vasto dominio circondato da un proprio recinto non accessibile al pubblico.

L’impero almohade

La storia di Rabat risale all’antichità. Allo sbocco del fiume wadi, gli scavi della necropoli di Chellah hanno portato alla luce i resti di abitazioni romane. Rabat è diventata la capitale dell’impero almohade nel XII secolo. Gli Almohadi sono grandi costruttori. Di questo periodo rimangono le superbe mura ocra della città, la Torre Hassan e la Kasbah degli Oudaïas.

La Torre Hassan

Emblema di Rabat, la Torre Hassan è un minareto contemporaneo della Koutoubia di Marrakech. Questa massiccia torre alta 44 metri, che doveva raggiungere gli 80 metri, fu costruita da Yacoub el-Mansour, sultano almohad alla fine del XII secolo. In realtà, era considerata una delle più grandi moschee del Marocco che non fu mai completata. Fu distrutta da un terremoto seguito da un incendio nel 1755 e sono rimaste solo le 200 colonne del sito di Volubilis. Oggi è un enorme cortile all’aperto che dà una sensazione di infinito.

Mausoleo di Maometto V

Pochi passi conducono al Mausoleo di Maometto V. Il luogo è altamente simbolico per il popolo marocchino perché è lì che Maometto V, di ritorno dal suo esilio in Madagascar, ha fatto la sua prima preghiera del venerdì prima della dichiarazione di indipendenza. Affacciato sulla spianata della Torre Hassan, il mausoleo di Maometto V è sorvegliato da uomini in abiti da cerimonia. Inoltre, contiene le tombe del re Mohammed V, del re Hassan II e del principe Mulay Abdullah. Un capolavoro dell’arte tradizionale marocchina. Questo edificio bianco, verde e oro è stato costruito tra il 1961 e il 1971. Tutto è raffinatezza, in una festa di materiali nobili.

Kasbah delle Oudaïas

Costruita sulla cima di una scogliera, di fronte all’oceano, la kasbah è un villaggio all’interno della città! Vi si accede da una lunga rampa sovrastata da un potente muro merlato. Kasbah significa fortezza o quartiere fortificato della città. Essa proteggeva gli Oudaïas, una tribù incaricata da Moulay Ismaïl di difendere la città dagli indomabili pirati andalusi. Parte del recinto, la porta degli Oudaïas e la moschea Jamaa el-Atiqa risalgono al periodo almohade, nel XII secolo.

La kasbah offre un labirinto di stradine strette sul fianco della collina. Le case sono imbiancate di blu e bianco. Ci sono pochissimi turisti. Si può visitare a piedi e camminare lungo la via Jamaa che porta ad un forte che difendeva l’estuario del Bou Regreg. La vista sulla città di Sale e sull’oceano è mozzafiato.

La discesa vi porta al famoso Café Maure, molto frequentato dagli abitanti di Rabat. La sua terrazza offre una bella vista sulle barche che danzano sul wadi. Il luogo ideale per gustare il tè alla menta e un assortimento di dolci. Torte al miele, corna di gazzella, Feqqas con mandorle e uva passa … Irresistibile!

Il Giardino Andaluso

Prima di lasciare la città fortificata, si può scoprire il giardino andaluso all’inizio del XX secolo secondo la tradizione arabo-andalusa. Chiaramente, una vera e propria oasi di verde e tranquillità. In primavera, è un giardino incantevole con il delicato profumo di gelsomini e aranci.

Tangeri, una delle città più importanti della storia del Marocco

Tangeri, la sposa del nord, come molti amano chiamarla, conserva le tracce dell’incredibile storia con l’eredità dell’atmosfera cosmopolita così particolare, enigmatica e ammaliante, da cui il fascino del suo incantevole mistero. La città marocchina ha continuato a lungo ad occupare una posizione geografica unica. Una traversata e punto d’incontro tra l’Oceano Atlantico e il Mar Mediterraneo, tra Nord e Sud, tra Ovest e Est, tra l’Europa e l’Africa.

tangeri marocchine

L’area fu sede di diverse postazioni commerciali fenicie tra l’VIII e il V secolo a.C. Prima di passare sotto il regno cartaginese tra il V e il III secolo a.C. Inoltre, tornò ad essere indipendente durante l’estensione dell’Impero Romano in Gallia, Spagna e Cartagine. Dal suo periodo romano, che durò dal 40 al 280, la regione conserva siti molto ricchi di materiale archeologico. Ma, purtroppo, molto poco protetti. Tamuda (Tetouan), Cotta (Ras Achacar), Zilil (Asilah), Lixus (Larache). Per quanto riguarda Tingis, si trovava sotto l’attuale Tangeri. Dal passaggio dei Vandali nel 429, che non durò più di un secolo, la città marocchina non conservò alcuna traccia. Non ci sono neppure tracce dei Bizantini o dei Visigoti.

Nel 681 la regione divenne terra d’Islam con l’arrivo dell’esercito arabo guidato da Oqba ibn Nafi. Poi circa 700 da Moussa ibn Nusaïr, che nel 707 installò Tarik ibn Ziyad a Tangeri con undicimila berberi e studiosi arabi per insegnare loro i precetti dell’islam e le leggi coraniche.

Sotto le grandi dinastie musulmane, gli Omayyadi, gli Almoravidi, gli Almohadi e i Merinidi, la regione rimase una testa di ponte tra il Nord Africa e la vicina Andalusia.

La bramosia europea

A partire dal XV secolo, le grandi potenze coloniali si impadronirono della città. Prima i portoghesi, nel 1471, e poi gli spagnoli. Più tardi, il matrimonio di Caterina di Bragança con Carlo II d’Inghilterra ne fece una città inglese nel 1661. Ma i marocchini si ribellarono e, dopo dure battaglie, Moulay Ismaïl prese il posto nel 1684. Durante il periodo che seguì, Tangeri rimase ambita e si sviluppò poco a poco. Anche se divenne luogo di residenza dei rappresentanti consolari internazionali in Marocco. Vittima dei processi e delle tribolazioni della storia, la città fu attaccata nel 1844 durante il conflitto franco-marocchino.

Tangeri, zona internazionale

Nel 1905, Guglielmo II scelse Tangeri per denunciare le mire imperialiste di Spagna e Francia sul Marocco. La soluzione a queste incessanti e antitetiche brame fu la firma del protettorato francese nel 1912. Per la Spagna fu riconosciuta una zona d’influenza, ma le polemiche persistevano e il 18 dicembre 1923 fu firmato un trattato franco-spagnolo che dichiarò Tangeri zona internazionale. La città era allora gestita da una dozzina di paesi, e guidata dal rappresentante del Sultano, il Mendoub.

Dei 150.000 abitanti di Tangeri, 42.000 erano stranieri. 30.000 spagnoli, francesi, portoghesi, inglesi, italiani, americani, italiani e rifugiati dall’Europa centrale, dall’Asia e dall’America Latina… Le costruzioni di ispirazione europea erano prima nella medina, poi fuori, in quella che oggi conosciamo come la nuova città. Fu un periodo di neutralità militare e politica, unita alla completa libertà economica. L’immensa prosperità fu generata dal libero scambio e dall’abolizione delle tasse, che diede origine a tutti i tipi di traffici. La città marocchina era una città di bassifondi e di grande prosperità. Indotta da questa collaborazione di sovranità nazionali che preferivano lasciarsi andare piuttosto che competere, traeva la sua ricchezza da fonti poco raccomandabili.

L’indipendenza di Tangeri

A Tangeri tutto viene scambiato, dal denaro alle donne alla droga, e si scambiano anche idee. La città è stata un luogo privilegiato per gli artisti, da pittori come Matisse a scrittori come Tennessee Williams, e soprattutto Paul Bowles, che diventerà con Jack Kerouack e Allen Ginsberg uno dei leader della Beat Generation.

La città sarà un tempo il luogo di tutti gli eccessi e delle feste più sontuose, come quelle organizzate dalla famosa miliardaria Barbara Hutton, che ha finito i suoi giorni nel 1979 senza un soldo. Tuttavia, la Seconda Guerra Mondiale riaccese il desiderio di indipendenza del Marocco, e il sultano Mohammed V fece un discorso nazionalista a Tangeri nel 1947, rivendicando la sovranità nazionale. Nel 1956 e la riconquista dell’indipendenza fece perdere a Tangeri il suo status unico, e la città tornò ad essere marocchina, firmando allo stesso tempo la partenza in massa degli stranieri, una partenza che scosse molto l’economia locale.

Tangeri Oggi

Tangeri merita una visita per i suoi musei, il palazzo Dar el-Makhzen e la legazione americana, la sua vivace medina, il Petit Socco o le incredibili viste sullo stretto di Gibilterra dai dintorni. Il Regno sta investendo molto per sviluppare la regione, le nuove zone franche del porto di Tangeri Med dovrebbero attirare imprenditori da tutte le parti e i turisti sono sempre più numerosi. Il potenziale dormiente della città millenaria e della sua regione potrebbe emergere dal suo letargo prima di quanto si pensi. Oggi gli investitori si affollano da Casablanca e Rabat, ma anche dall’Europa e dalla regione del Golfo.

Chefchaouen, la città blu

Arroccato sulla catena montuosa del Rif, a 600 m di altitudine ai piedi dei monti Kelaa e Meggou nel nord-ovest del Marocco. A poco più di un’ora e mezza di macchina a sud di Tangeri, Chefchaouen è come un gioiello blu, nella conca di montagne ricoperta da una fitta foresta di abeti e querce da sughero.

chechaouen

Si dice che Chefchaouen sia un nome formato da due parti. In primo luogo, “chouf” che significa “guardare” e in secondo luogo “Echaouen” che in berbero significa “corna”. Probabilmente, riferendosi alle cime delle montagne che circondano la perla blu. Caratterizzata da un paesaggio collinare, da profonde valli e da una copertura vegetale, confinante con il Mediterraneo, la città con i suoi mitici corridoi blu. Dipinta con la calce, offre un’atmosfera accogliente e autentica a chiunque si lasci cullare dalla sua atmosfera rilassante e dalla sua bellezza irreale che rendono il luogo un vero capolavoro visivo.

Quasi irreale, la piccola città, ricca di colori, con le mille sfumature di quel tipico blu oltremare della città, intenso e profondo, attira i turisti alla ricerca di semplicità e bellezza. Quando il sole tramonta, passando la staffetta alle luci, la città si trasforma in qualcosa di leggendario e soprannaturale che la rende una perla incastonata da mille e una scintilla scintillante. Si offre allora uno spettacolo sublime, in una magica cornice mediterranea.

Tetouan

Crocevia di civiltà mediterranee, Tetouan è un luogo d’incontro di popoli, religioni e culture diverse. Andaluso, ottomano, arabo-berbero ed europeo e vari elementi. Prendendo l’esempio dei mudéjares, dei moriscos, degli ebrei sefarditi della penisola iberica, che le hanno dato il nome di “Figlia di Granada” o “Piccola Gerusalemme”.

i posti migliori da visitare

Tetouan ha conservato la maggior parte del know-how architettonico andaluso nelle sue mura, nella kasbah, nelle fortificazioni, nelle piccole case e nelle grandi residenze, nei minareti, nei mausolei, nei fondouks, nella tradizionale rete di distribuzione dell’acqua e nelle fontane a muro. Ha anche conservato con cura un patrimonio immateriale unico e specifico nell’artigianato, nella musica, nelle arti e tradizioni popolari e nei costumi attraverso il suo abbigliamento e il suo patrimonio culinario.

Tetouan, dalla città antica alla città moderna

Gli scavi archeologici dell’antica città di Tamuda, situata a due chilometri da Tetouan sulla riva sud del fiume Martil, risalgono al III secolo a.C. e testimoniano il precoce insediamento di questa zona. Infatti i Mauritani fondarono questa città per primi. Tuttavia, i Fenici stabilirono un posto di commercio alla foce del fiume. La città fu distrutta dai Romani nel 42 d.C.

Tetouan sembra esistere fin dalla conquista araba, era famosa per il nome di Tittawin che significa sorgenti in lingua berbera. Il sito di Tetouan è citato a partire dall’XI secolo dal geografo andaluso Abou Ubayd al-Bakri (1030-1094).

Durante il periodo del 12° secolo

Fu durante il periodo almohade, nel XII secolo, che la città apparve nelle fonti marocchine. Gli storici attribuiscono la fondazione di questa città ai sufi andalusi Sidi Abdelkader Tabine che si stabilirono a Tetouan intorno al 1148 e iniziarono a costruire un gruppo di case, una moschea, mulini e un luogo per il Souk.

Il crescente impatto della guerra e della pirateria che minacciava l’egemonia iberica portò alla distruzione di Tetouan da parte di Enrico III di Castiglia nel 1399 e nel 1437, da parte dei portoghesi di Sebta. Tetouan scomparve, poi, brevemente dai testi.

Tetouan nel XV secolo

La ricostruzione di Tetouan alla fine del XV secolo ad opera del Grenadin Abou Al Hassan Ali Al-Mandri segnerà una svolta nella storia della città. Infatti, nel 1492, la caduta del regno di Granada causò la migrazione di migliaia di musulmani verso le città costiere del Marocco. Di conseguenza, Tetouan è rinata dalle sue rovine e ha conosciuto una notevole crescita a tutti i livelli.

Nel 1609, il decreto di espulsione dei mori e degli ebrei emanato da Filippo III portò a un’ondata di esodo verso i Paesi del Maghreb e in particolare verso Tetouan. Più di 10.000 mori vi si insediarono, portando all’estensione della città con la costruzione di nuovi quartieri.

Sotto il regno di Moulay Ismaïl, nel XVIII secolo, Tetouan ha conosciuto un nuovo sviluppo economico grazie ai numerosi scambi con l’Occidente. Tutti gli scambi commerciali marocchini con l’Europa nel XVIII secolo passarono per Tetouan. Chiaramente, il suo porto di Martil era all’epoca uno dei più importanti del Marocco.

Dopo l’occupazione di Algeri da parte dei francesi nel 1830, Tetouan ha accolto centinaia di immigrati algerini, da qui l’importanza dell’influenza ottomana in Tetouan visibile in alcuni costumi e vestiti tetouanesi in particolare.

Il XIX secolo è stato un periodo di decadenza per Tetouan come per tutto il Marocco. La siccità con la sua processione di carestie ed epidemie, così come la guerra ispano-marocchina o “guerra di Tetouan” dal 1859 al 1862. Tutto questo ha portato all’occupazione della città, contribuendo al momentaneo declino del suo ruolo politico ed economico nel panorama marocchino.

Intorno al ventesimo secolo fino ad oggi

Nel XX secolo, Tetouan divenne la capitale del protettorato spagnolo dal 1913 al 1956. Riprese così un nuovo sviluppo politico, economico e culturale che portò a una grande espansione nelle aree urbane e industriali. Inoltre, ruoli culturali pionieristici e una notevole presenza sulla scena politica attraverso il suo contributo alla fondazione del movimento di liberazione nazionale.

Attualmente, Tetouan rimane uno dei principali poli accademici e città del Marocco e, con il suo entroterra, è un’attraente destinazione culturale e turistica.

Agadir

Marocco città

Santa Cruz de Cap de Gue

Agadir è stata talvolta identificata con il vecchio porto di Russadir citato da Polybe. Tuttavia, è solo nel 1505 che il luogo entra nella storia con la costruzione, da parte di un nobile portoghese, di una fortezza chiamata Santa Cruz de Cap de Gué, a nord della città attuale. Venduta nel 1513 al re del Portogallo, la fortezza divenne il centro di una regione sotto il dominio portoghese. Dopo diversi tentativi, il sultano saadiano Mohammed ech Sheikh la catturò nel 1541.

Il porto di Souss

Sotto i Saadiani, Agadir conobbe una vera e propria prosperità. Sbarcarono con diverse merci, mentre il porto esportava zucchero di canna, datteri, cera, pelli, oro, ecc. D’altra parte, la graduale estinzione della cultura della canna da zucchero, a partire dalla metà del XVII secolo, ha segnato l’inizio del suo declino. Un secolo dopo, nel 1760, Sidi Mohammed ben Abdallah punì la città per la sua indottrinamento, chiudendo il porto al traffico europeo e fondando il porto rivale di Essaouira. Il viaggiatore Cochelet, che visitò la città nel 1819, ha solo una dozzina di case ancora in piedi.

La Kasbah

Fu costruito nel 1540 da Mohammed ech Cheick per servire come base d’attacco contro la fortezza portoghese. Temendo un ritorno offensivo dei portoghesi, Moulay Abdallah la ricostruì nel 1752 e vi installò una guarnigione di 2000 rinnegati e turchi. Un’iscrizione in arabo e olandese ci ricorda che i Paesi Bassi vi installarono un posto di commercio nel 1746.

Cose da vedere e da fare in questa città marocchina

Le spiagge di sabbia fine e acqua cristallina, il souk e le rovine della città vecchia sono alcune delle tante cose da fare ad Agadir. La città offre una vasta gamma di possibilità per i viaggiatori. Senza dubbio, ad Agadir ci sono diverse opzioni che corrispondono ai gusti di tutti i tipi di turisti, per potersi riposare sulla spiaggia, nel deserto per i più avventurosi, o per vagare nella storia della città.

Il mare è una delle chiavi di volta della città che è parallela alla costa, quindi una delle cose da visitare ad Agadir è il suo porto turistico e il lungomare sempre pieno di attività. Inoltre, uno dei luoghi da visitare ad Agadir è il Parco Nazionale di Souss-Massa, un must per gli amanti della natura, che vogliono godersi il paesaggio. Ma si può dire che uno dei luoghi più belli di Agadir sono le rovine della Kasbah e della città vecchia, distrutte nel 1960 da un terremoto.

Godersi la vista di Agadir dalla città vecchia è una delle cose migliori da fare ad Agadir oggi, soprattutto al tramonto. Vicino alle rovine, la città moderna, la nuova medina, uno dei luoghi da visitare ad Agadir. La città ricostruita dopo il terremoto è un misto di vecchio e nuovo, moderno e tradizione, un luogo adattato ai tempi che cambiano ma che ha mantenuto le sue vere radici, dove si può gustare l’essenza del Marocco.

Essaouira

i migliori posti da visitare in Marocco

Essaouira fu ufficialmente fondata nel 1765 dal sultano Sidi Mohamed Ben Abdellah. Questo fornì alla capitale Marrakech un nuovo porto e per indebolire la rivolta di Souss asfissiando il porto di Agadir. Questa decisione geopolitica riflette anche la volontà di fare di Essaouira la prima nuova città prevista in Marocco. In generale, una città popolata da immigrati di ogni provenienza e fede. Il suo fondatore aveva così assegnato il territorio a ciascun “gruppo etnico”. Chbanates, Ahl Agadir, Laalouj, Beni Antar, Bakher e Tujjjâr as-sultân (letteralmente i commercianti o i mercanti del sultano israeliano).

Questi ultimi erano per lo più ebrei di origine andalusa che vivevano nella kasbah conosciuta come “mellah”. Mentre gli altri loro correligionari (artigiani, negozianti, ambulanti) vivevano nella città bassa. Alcuni autori rintracciano le origini di un gran numero di famiglie ebraiche dal mellah di Essaouira al Souss. Tra queste vi sono anche quelle del rabbino Haim Pinto e del rabbino Ed-Dery che vissero ad Agadir. Tuttavia, secondo Omar Lakhdar, l’etimologia ebraico-berbera di Mogador, indica la presenza di una comunità ebraica prima della fondazione della nuova città da parte del sultano.

Essaouira e il suo importante ruolo tra tutte le città del Marocco

Essaouira, ex Amogdul (il ben tenuto) in berbero, Mogdura in portoghese. Anche Mogadur in spagnolo e Mogador in francese, Essaouira è una città portuale del Marocco sulla costa atlantica. La sua medina è iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

La sua storia risale al VII secolo a.C. I Fenici si fermavano nell’isola di Mogador durante la discesa verso l’equatore. Giuba II, re di Mauritania, vi stabilì più tardi una fabbrica di porpora, molto ricercata dai romani. Poi, il sito fu occupato a turno dai portoghesi e dai sultani saadiani. Il vero fondatore della città di Essaouira fu il sultano alauita Sidi Mohamed Ben Abdellah, che nel 1760 affidò il progetto a Theodore Cornut (allievo di Vauban).

Essaouira (ex Mogador) divenne rapidamente il porto di Timbuktu. È il luogo in cui i prodotti fabbricati in Europa vengono scambiati con oro, sale, zucchero e piume di struzzo. Più recentemente, Essaouira è diventata il rifugio privilegiato degli artisti e delle star dell’epoca (Cat Steven – Jimmy Hendrix…) che venivano qui a ricaricare le batterie, e Orson Welles ha girato il suo famoso film “Otello”.

Al-Hoceima city

Al-Hoceima è una città turistica situata sul Mar Mediterraneo nella regione del Rif. Generalmente, nel nord del Regno del Marocco.

i migliori posti da visitare in Marocco i luoghi più belli da visitare in marocco

La città è di lingua Amazigh e ha una popolazione di circa 56716 abitanti. Inoltre, è la settima città più bella del mondo per quanto riguarda la bellezza delle sue spiagge, secondo un’indagine che ha incluso il Marocco e realizzata dalla World Urban Cities Guide. La classificazione è stata effettuata sulla base di diversi criteri tra cui la bellezza dei paesaggi naturali e delle spiagge. Questa e molte altre caratteristiche hanno dato ad Al-Hoceima il posto della città più bella del Marocco seguita da Agadir. È una delle più grandi località balneari del Marocco e delle città nordafricane.

Ciò che rende questa città più unica è l’essere al largo di molte piccole isole rocciose. Al Hoceima è conosciuta per le sue belle spiagge (Sfiha, Calabonita, Tara Youssef, Cala Iris, Imoud, Izdi, Boussekkour, Quemado…).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>