Marocchini – Tutto quello che c’è da sapere sulla gente del Marocco

Marocchini

I diversi tipi di persone in Marocco

Popolo del Marocco sono entrambe parole che raccolgono un’enorme quantità di entità e culture diverse. Non c’è dubbio che il Marocco è uno dei paesi più ricchi dell’Africa e del mondo quando si tratta di persone e delle loro culture. In generale, possiamo parlare di due diverse parti principali dei marocchini, i berberi e gli arabi. Inoltre, queste due parti possono anche essere divise in tre parti, Nord, Centro e Sud, ogni parte ha un dialetto un po’ diverso in entrambe le lingue, berbero e arabo. Inoltre, hanno anche una differenza nelle culture e nelle tradizioni.

Siete disposti a visitare presto il Marocco? Unisciti ai nostri Tour In Marocco!

Berberi:

Con lo sviluppo della scienza genetica negli ultimi decenni, nessuno può negare che i marocchini originali e il Nord Africa siano berberi. Imazighen è il nome che si sono dati a se stessi riferendosi al libero popolo nobile. Gli scienziati dicono che erano in circolazione circa 10.000 a.C. La loro patria si estende dal Siwa in Egitto all’isola delle Canarie a ovest. Come detto, questo tipo di popolo marocchino può essere diviso in tre parti principali.

In primo luogo, ci sono i berberi del nord, i Riffiani o i Rwafa. La maggior parte di loro prende Al Hociema e Nador come capitale ed è qui che vive la maggioranza. Per quanto riguarda la lingua, parlano un diverso dialetto berbero (Tamazight) e lo chiamano Tarifit. Per non parlare del fatto che, vivendo vicino alla Spagna, la maggior parte di loro parla spagnolo. Inoltre, lo mescolano con Tarifit.

In secondo luogo, ci sono i Cenetral Imazighen o Assammer Berberi. Questo tipo è caratterizzato dal fatto di essere composto da molte tribù diverse e la maggior parte di loro inizia con la parola “Ait”. Per esempio, ci sono gli Ait Atta, Ait Bourk, Ait Chghrouchen, Ait khbbach e molti altri. Anche se questo tipo vive nello stesso posto e non è separato da lunghe distanze, c’è un po’ di differenza nei dialetti che parlano. È per dire che usano parole diverse che le altre tribù comprendono.

Infine, c’è questo tipo che i marocchini li considerano una base importante dell’economia nazionale. Il Chleuh o Ishlhien è una delle parti principali del popolo marocchino. Hanno anche un dialetto diverso che è il tassoussiet. Inoltre, la maggior parte di loro vive ad Agadir e nelle zone circostanti.

Marocchini

Arabi:

I marocchini arabi sono una delle parti principali. Sono venuti dopo la morte del profeta Maometto, la pace sia con lui, per diffondere la religione islamica. A quel tempo, i berberi in Marocco si sono convertiti al cristianesimo e vivevano fianco a fianco con gli ebrei. Dopo molte battaglie, la maggior parte di Imazighen si convertì all’Islam e fece dell’arabo la propria lingua. Oggi la maggioranza parla l’arabo marocchino che è la Darija. Si tratta di molte parole berbere oltre alle lingue latine. Molti berberi sono stati arabizzati nel tempo, soprattutto quelli che vivono nelle grandi città.

Anche l’arabo marocchino si differenzia dalle tre parti, Nord, centro e Ovest. In primo luogo, coloro che vivono al nord hanno un dialetto speciale che è Darija Chamalia. In secondo luogo, nel centro, usano un altro tipo di Darija che è più semplice e non ha un nome. Andando verso l’ovest del Marocco, la gente lì usa un altro dialetto che si chiama Lhssania. In questo articolo, vi immergerete nella storia e nell’inizio dei marocchini e delle loro origini.

la gente di marocco

Uno sguardo alla storia dei marocchini

Molti storici marocchini amano raccontare, con un certo piacere, questo aneddoto che ha avuto luogo alla corte di un califfo abbaside a Baghdad. Un cortigiano, credendo di lusingare il califfo, spiega a quest’ultimo che il mondo sembra un immenso uccello. La sua testa è a est, le due ali spiegate in Yemen e in Siria, il cuore è in Iraq, mentre la coda è a ovest, nel Maghreb.

A Moroccan present at the Caliph’s court then intervenes to confirm the words of the courtier by saying: “Yes, the world does indeed look like a peacock”. An allusion to the tickling and beautiful fan of feathers that form the tail of the peacock. The Caliph smiled at his Moroccan host’s remark and rewarded him for his wit and national pride. As this anecdote indicates. Moroccans have always had the conviction embedded in their bodies that they belong to a distinct geographical entity, specific culture, and history. Their country is not exclusively Berber, Arab, Muslim, Jewish, or African. But it is all of these things. Definitely, a mixture of synthesis.

la gente del Marocco, i marocchini e le loro tradizioni

I marocchini e il loro mitico paese

Il suo primo nome era Al-Maghrib Al Aqsa, il Far West. Riflette questa singolarità e specificità, anche agli occhi degli estranei che la percepivano come una terra lontana, eccentrica, che affascina e intriga. Diversi miti e leggende esprimono la curiosità che il “Far West” del mondo ha suscitato. È lì che Atlante, il gigante della mitologia greca, ha dato il nome alla catena montuosa. Condannato da Zeus, per la sua insubordinazione, a portare sulle sue potenti spalle la volta celeste.

Fu a Tangeri che Ercole aprì lo Stretto di Gibilterra spaccando due montagne con una vigorosa spada. Separando così definitivamente l’Europa dall’Africa. E fu in questa regione che gli atlantici si stabilirono e trovarono un potente impero. Secondo la leggenda, si estende dal Senegal alle isole britanniche. La storia antica mostra come il Marocco fosse fatto e formato da miscele tra ondate di razze successive. Per non parlare delle culture, delle religioni e delle influenze di tutti i ceti sociali, di cui l’Islam e l’arabità sono solo una componente, essenziale e importante.

Originali marocchini

È generalmente accettato che i primi abitanti del Marocco siano stati i berberi. Un gruppo di popolazioni apparse in Nord Africa più di 9000 anni fa in seguito alle ondate di immigrazione dal Vicino Oriente. Lo spostamento di gruppi dall’Oriente e il loro insediamento in Marocco è un tratto caratteristico della storia del paese nel corso dei secoli. Un’altra corrente migratoria preistorica è venuta dal Mediterraneo per aggregarsi e fondersi con le popolazioni provenienti dall’Oriente. Evidentemente, dando ai marocchini e al Maghreb un’originalità fisica e culturale.

Cosa dice Ibn Khaldun dei marocchini

Nella sua monumentale Storia dei Berberi, Ibn Khaldun attribuisce l’origine della parola “berbero” alla difficoltà dei dialetti che parlano i marocchini e il Maghreb. I vari invasori non sono stati in grado di decifrare e comprendere. Il grande storico spiega poi che la parola “barbara” in arabo significa grida incomprensibili e il ruggito del leone. Nella sua spiegazione, Ibn Khaldun riprende un’origine più antica della parola berbera, che deriva dal latino Barbarus. Significa estraneo alla lingua e alla cultura dei greci, e designa anche le popolazioni che vivevano al di fuori dell’Impero Romano.

La questione dell’origine dei berberi è sempre stata una questione cruciale e importante. In altre parole, è andata oltre l’ambito delle conoscenze scientifiche. La ricerca storica è stata spesso utilizzata per servire le ambizioni politiche e per forgiare una visione ideologica dell’identità e della storia del Marocco. Così, molti autori colonialisti hanno cercato di dimostrare l’origine europea dei berberi. Ancor di più, a volte utilizzando acrobazie scientifiche e argomentazioni fangose.

La presenza di gruppi di persone con pelle chiara e occhi chiari in alcune zone montuose del Marocco è stata presentata come conferma che i berberi sono discendenti delle tribù celtiche del nord Europa. Questa interpretazione intendeva legittimare la colonizzazione francese trovando un’origine etnica comune con la popolazione indigena e seminando divisione tra arabi e berberi. Le moderne ricerche antropologiche e archeologiche hanno completamente smantellato l’ipotesi dell’origine europea dei Berberi, molto in voga durante il periodo coloniale.

Benvenuti nella Mora

Nell’antichità, la popolazione berbera del Nord Africa prendeva il nome di “Libia”. Questo nome è coperto, tra gli storici greci e romani. Una vasta entità geografica che si estendeva su quello che oggi corrisponde al “Grande Maghreb”. Conosciuti per le loro qualità militari e belliche. I libici, o “il Lebou”, riuscirono addirittura a salire al potere in Egitto, con il re Chéchonq I, per fondare una nuova dinastia di faraoni nel 950 a.C. Questa data è l’inizio del calendario berbero.

Ma un altro nome, più preciso, apparso tra gli autori greci e romani per designare la popolazione del Nord Africa occidentale è quello dei Mori. Non si sa bene per mancanza di tracce e di documenti scritti su questo sciame di tribù berbere che vivevano in un territorio in gran parte corrispondente all’attuale Marocco. Di origine fenicia, la parola Mori significa “occidentali” ed è stata usata per distinguere geograficamente questo territorio dalle altre regioni del Nord Africa.

Situata tra l’Oceano Atlantico e Wadi Moulouya, la popolazione moresca era composta principalmente da contadini, pastori e nomadi. Contatti con i Fenici, che stabilirono posti di commercio e scali in diverse parti del Marocco. Questo permise alle tribù moresche di sviluppare strutture politiche e amministrative che furono trasformate dal IV secolo a.C. in un regno.

Principi e alti funzionari moreschi usavano il fenicio come lingua amministrativa e diplomatica. Mentre i diversi dialetti berberi erano la lingua di scambio tra le popolazioni. La caduta di Cartagine, che portò al crollo del potere fenicio e alla nascita dell’Impero Romano. Questo permise al regno moresco di emergere e di uscire dall’ombra. I re mori entrarono poi in complesse alleanze con i romani per espandere il loro territorio a spese di altri regni berberi in Nord Africa, soprattutto dei vicini numidici.

Marocchini come re

Per tre secoli la dinastia dei Bocchus ha governato il paese moresco, che assomigliava molto di più a una confederazione di tribù con un solo capo che a una monarchia centralizzata. La fondazione del regno moresco e la sua esatta estensione rimangono poco conosciute a causa della scarsità e della quasi inesistenza di documenti scritti.

Le poche citazioni trovate tra gli storici romani fanno pensare che fosse un regno che si estendeva dal nord del Marocco ai monti dell’Atlante. Inoltre, che il Moulouya Wadi fosse un confine naturale che lo separava dalla Numidia, un regno berbero orientale.

Per molto tempo il regno moresco è stato amico e sostenitore dei Romani nelle loro varie lotte in Nord Africa. Così, alla fine del III secolo a.C., il re Baga fornì a Scipione l’Africano, il famoso generale romano, contingenti di combattenti per combattere una battaglia finale contro la potente Cartagine. La vittoria dei Romani su Cartagine e la distruzione di quest’ultima disegnò un nuovo volto del Mediterraneo e del Nord Africa. Da questa vittoria nacque un impero.

L’alleanza dei Mori con l’Impero Romano permise alla dinastia dei Bocchus di espandere il suo regno. Inoltre, di sgranocchiare il territorio dei suoi vicini e di acquisire potere e influenza. Lo scoppio di un conflitto tra Roma e il regno berbero della Numidia fu un’opportunità colta dai Bocchus per espandere drasticamente il dominio moresco.

L’ascesa del re numida Jugartha e la fine dei Mori

Intorno al 109 a.C., Jugurtha, il giovane re numida, rifiutò il piano proposto da Roma di dividere il suo regno tra diversi eredi. Così, scatenando una lunga guerra con i Romani. In seguito, Jugurtha si rivolse al suo vicino e suocero (Nicco I) per aiutarlo e sostenerlo nella sua lotta. Tuttavia, il re moresco, temendo una reazione devastante da parte di Roma e pensando prima di tutto ai suoi interessi politici. Consegnò il genero Jugurtha ai suoi nemici. Bocchus ricevette dai Romani l’intera parte occidentale del regno numidico, che si estendeva su gran parte dell’attuale Algeria. I nuovi sudditi dei re mori persero gradualmente il loro vecchio nome e il nome del loro regno decaduto, la Numidia, scomparirà per diventare il paese dei Mori.

Ma la presa dei romani continuerà a crescere e il loro controllo sul Nord Africa raggiungerà proporzioni considerevoli. La caduta del regno moresco nell’anno 40 con l’assassinio di Tolomeo, l’ultimo sovrano della dinastia dei Bocchus. Questo pose fine ai regni berberi e pose il Nord Africa sotto l’amministrazione dei romani.

Le culture dei marocchini

Gli antichi marocchini hanno sofferto di una scarsa influenza culturale e politica da parte dei suoi invasori. Un paese periferico, confinante con il mare e attraversato da massicce catene montuose, di scarso interesse economico per le grandi potenze dell’epoca. I Romani, i Vandali e i Bizantini riuscirono ad occupare con successo il Marocco e ad impedire la rinascita dei regni berberi. Ma senza riuscire a segnarne profondamente la composizione etnica o a provocare trasformazioni radicali nella sua identità e nella sua cultura.

Solo l’Islam e le successive ondate di immigrazione araba sono riusciti ad aggregarsi con la componente berbera. Anche ponendo le basi della nazione marocchina. Nonostante la presenza di oltre cinque secoli, i Romani hanno lasciato solo un’impronta superficiale sul Marocco e sul suo popolo. L’impatto della loro colonizzazione fu molto tenue. La regione della “Mauritania tingitana” era meno latinizzata e meno impregnata dalla cultura dell’impero rispetto all’Algeria e alla Tunisia.

L’occupazione romana rimase in uno stretto territorio in alcune città come Tingis (Tangeri), Lixus (Larache) e Volubilis. Ci sono poche prove dei grandi monumenti che i romani lasciarono in altri paesi. Prendiamo l’esempio degli acquedotti, dei ponti o delle strade principali. In questo contesto coesistevano due mondi. In primo luogo, una civiltà romana che si trovava in alcune città di guarnigione riservate ai militari e ai funzionari pubblici che provenivano dalla metropoli. In secondo luogo, una popolazione che ha mantenuto intatti i suoi usi, costumi, tradizioni e dialetti.

La fine dell’inflessione dell’impero romano

I segni della presenza romana sono diminuiti con il ridimensionamento dell’impero e l’arrivo di nuovi conquistatori. Intorno al 429 i Vandali, orde di tribù germaniche, invasero il Marocco alla ricerca di terre fertili e di risorse naturali. Poi si diressero verso est per raggiungere l’antica Cartagine, lasciando dietro di sé solo desolazione e rovine. Nonostante la presenza di oltre un secolo in Nord Africa, i Vandali hanno lasciato poche tracce del loro passaggio in Marocco.

Gli eredi bizantini dell’Impero Romano cercheranno di ripristinare la gloria e il prestigio dei loro antenati andando a riconquistare il Maghreb. Ma avranno poco successo in Marocco. La loro area di influenza è rimasta limitata a Tangeri e Sebta a causa della forte resistenza delle tribù berbere. Il campo era allora aperto a nuovi conquistatori. Quelli che venivano dall’Est. La maggior parte di loro stava conquistando per convertire altri marocchini e nordafricani alla loro religione.

Marocchini e Islam

i marocchini e la loro storia

Parte 1 : Con Oqba Ibn Nafiî

Dopo la morte del profeta Maometto, i musulmani sono partiti, in tutto il mondo. Andarono in rapide e abbaglianti conquiste, con truppe e armi. In pochi mesi e con un piccolo esercito di 4000 uomini. I guerrieri arabi riuscirono a sconfiggere i bizantini in Egitto e ad annettere l’antica terra dei faraoni al giovane impero musulmano. Ma le cose erano diverse e complicate nel Maghreb, dove la feroce resistenza berbera è ancora viva e potente.

Per l’esercito musulmano ci sono voluti più di mezzo secolo di combattimenti, razzie e trattative per controllare definitivamente il Nord Africa. Tutto il tempo necessario per conquistare insieme Siria, Egitto, Iran e Spagna! Oqba Ibn Nafiî simboleggia la durezza del compito e la violenza della resistenza dei berberi.

Nominato dal califfo Yazid nel 669, Oqba lanciò una vasta offensiva generale nel Maghreb. Dopo aver sconfitto i bizantini e costruito Al Kairouan. La città tunisina, spinse una lunga incursione verso la punta occidentale del Maghreb e raggiunse Tangeri. Poi, a cavallo verso il sud del Marocco per raggiungere i “paesi dei neri”. Secondo la storia riportata dagli storici musulmani. Oqba avanzò con il suo cavallo tra le onde dell’Oceano Atlantico “il mare delle tenebre”, come lo chiamano gli arabi. Poi, prese Dio come testimone che se avesse avuto l’opportunità di estendere la sua conquista oltre l’oceano non avrebbe esitato a farlo. Sulla strada per Al Kairouan. Oqba fu ucciso vicino a Biskra, in Algeria, in una lotta contro la tribù degli Awraba guidata da Kousseila, il capo berbero.

Parte2 : con Moussa Ibn Noussaïr

Dopo la morte di Oqba, nel Maghreb si sono svolte nuove campagne militari musulmane. Solo alcune di esse raggiunsero il Marocco. L’alleanza tra i Bizantini e le tribù berbere diede alle truppe l’intavolatura e ritardò la dominazione musulmana sul Nord Africa. Una donna delle tribù berbere degli Aurès in Algeria costrinse le truppe musulmane a ritirarsi. Dihiya o Damiya, secondo le fonti. Gli storici arabi la chiamano Kahina, che ha combattuto fino alla morte. L’avanzata delle truppe musulmane. Ma una nuova e ultima offensiva fu opera di Moussa Ibn Noussaïr nel 704. Impetuoso, un ottimo negoziatore, e un leader militare determinato. Moussa Ibn Noussaïr riuscì a conquistare tutto il Marocco e convinse i berberi a convertirsi all’islam.

La nuova religione adottata dai berberi ha poi offerto loro un solido legame che ha permesso di superare le divisioni locali e tribali. Ancor di più, per cementare le diverse componenti della popolazione che vive in Marocco. Molti marocchini berberi si sono uniti all’esercito musulmano e hanno partecipato attivamente e ardentemente alle conquiste effettuate sotto l’Islam. Moussa Ibn Noussaïr, ha inviato uno di loro, Tariq Ibn Ziad, a lanciare le truppe per la conquista della Spagna.

FAQ sui marocchini:

I marocchini sono berberi o arabi?

Il Marocco è un paese di diversità, che ospita diversi tipi di persone. Berberi e arabi sono entrambi i principali cittadini di questo paese. Eppure, come è noto, il popolo originario è berbero e la maggior parte di loro ha attraversato l’arabizzazione ed è diventata araba.

Cosa sono gli indigeni marocchini?

Con lo sviluppo della scienza genetica, nessuno può negare che gli indigeni di questo Paese siano berberi.

Come si chiama una persona del Marocco?

Una persona che viene dal Marocco si chiama marocchino.

Per cosa sono conosciuti i marocchini?

I marocchini sono noti per la loro calda ospitalità e generosità. Se visitate il paese, aspettatevi di essere ben ospitati soprattutto da chi vive nei villaggi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>