Feste e celebrazioni in Marocco

Feste e celebrazioni in Marocco

Le feste e le celebrazioni in Marocco, che si tratti di feste religiose musulmane, di celebrazioni nazionali o di ispirazione occidentale… Sono tutti eventi culturali che invitano a immergersi nella cultura e nella tradizione dei paesi arabo-musulmani. Troviamo punti comuni in Marocco, ma anche in Egitto e in Algeria, così come quelli specifici relativi ad alcune o specifiche città o regioni. Ecco tutto quello che dovete sapere sui Festival e le celebrazioni per il vostro tour in Marocco.

Le principali feste e celebrazioni in Marocco

Vari festival e celebrazioni culturali di ogni tipo hanno luogo durante l’anno nelle città del Marocco. I moussem sono eventi culturali che si tengono in tutto il paese. Per lo più religiosi, ma a volte laici, che riguardano il raccolto, la natura o figure coraniche di spicco. Quelli che seguono sono alcuni degli eventi più importanti che si svolgono nelle strade marocchine.

La festa dei mandorli

La fioritura dei mandorli, che avviene in gennaio-febbraio o a volte in dicembre, permette alla gente di festeggiare. Inoltre, le loro città sono illuminate dai colori vibranti e vivaci dei mandorli. Ballerini, cantanti e cantastorie tradizionali sono tra i punti salienti di questa festa marocchina.

Festival Internazionale dei Nomadi a M’hamid El Ghizlane

Ogni anno a marzo, il festival si svolge nella valle del Draa. È un evento insolito perché si svolge in mezzo al deserto, a sud di Zagora. È un’occasione ideale per conoscere meglio la cultura delle tribù nomadi attraverso l’artigianato, la pittura e la tessitura. Questo festival marocchino è famoso per le sue canzoni e danze, così come per le interpretazioni degli artisti di racconti e poesie.

Festival delle rose a Kelaa M’Gouna

La coltivazione delle rose è una delle attività principali delle comunità delle valli del Dades e del M’Goun. Questo dà origine a una delle feste e celebrazioni più originali del Marocco! Gli abitanti si vestono con i loro costumi più glamour per celebrare la fioritura dei roseti a maggio. La festa è animata da cantanti, suonatori di flauto e tamburini. Il convoglio delle candele di Salé, il moussem di Tan Tan, il festival delle arti tradizionali di Marrakech, il festival del miele di Imouzzer Ida Outana. Inoltre, il moussem di impegno a Imilchil sono tutte feste popolari marocchine.

Candele Convoglio di Salé

La processione delle candele, conosciuta anche come la processione della cera o il moussem delle candele, è una delle più belle celebrazioni tradizionali marocchine. Si svolge alla vigilia del Mawlid, un’altra festa che commemora la nascita di Maometto (il profeta dell’Islam), nella città di Salé (vicino a Rabat).

Il moussem di Tan Tan

Tan-Tan moussem, che esiste dal 1963, per molti anni l’hanno dimenticato. Questa importante festa tradizionale marocchina. Tuttavia, gli è stata data nuova vita, poiché ora si celebra ogni anno a settembre a Tan-Tan. L’UNESCO l’ha persino designato come patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Durante questi pochi giorni di festa, le diverse popolazioni nomadi del Sahara si riuniscono per promuovere la cultura del mondo Beidane. Questo processo passa attraverso una varietà di attività, mostre e spettacoli. Una corsa di cammelli, un carnevale e spettacoli di danze folcloristiche sono disponibili.

Il festival delle arti tradizionali di Marrakech

Su ordine del defunto Mohamed V, il Festival Nazionale delle Arti Popolari di Marrakech si è tenuto per la prima volta il 21 luglio 1960. Conosciuto originariamente come il “Festival del Folklore di Marrakech”, l’obiettivo primario del Festival è di assicurare la sostenibilità e la promozione delle arti popolari del Marocco. Questo si ottiene effettivamente organizzando un raduno annuale delle principali truppe di tutto il Marocco, che riflette la ricchezza e la diversità delle arti popolari.

Funge anche da difensore della cultura tradizionale marocchina, mettendo in evidenza la molteplicità delle performance artistiche marocchine durante il festival. Marrakech è stata scelta per ospitare questo festival nazionale non solo per l’immagine che incarna come città delle arti e della creazione, ma anche perché è la prima destinazione turistica del Marocco. L’organizzazione del Festival è stata inizialmente fornita dal Ministero del Turismo, e per decenni l’Associazione Grand Atlas ne ha assicurato la continuazione. Il prestigioso Palazzo Badia di Marrakech riceve ogni anno i gruppi e offre al pubblico un mosaico ricco e arricchente di arti tradizionali marocchine.

Il Festival Nazionale delle Arti Popolari di Marrakech ha celebrato la sua 50° edizione nel 2019. La partecipazione al Festival è un trampolino di lancio cruciale per le organizzazioni artistiche tradizionali, incoraggiando gli artisti a lavorare di più per garantire la sostenibilità e la vitalità delle loro performance tramandate di generazione in generazione.

Il festival del miele a Imouzzer Ida Outana

Ogni anno, i mesi estivi sono l’occasione per fare una passeggiata a circa sessanta chilometri a nord-est di Agadir, nel villaggio di Imouzzer des Ida-Outanane. Conosciuta per le sue cascate, questa regione montagnosa è famosa per il suo miele.

La Valle del Paradiso porta bene il suo nome, tutta la strada merita una deviazione. Questa regione berbera mostra i colori della sua terra. Interi villaggi costruiti in adobe rosso alle case bianche di Imouzzer. Il centro del villaggio diventa, durante il moussem, la vetrina del prodotto di punta della regione: il miele. Aromatizzato con piante medicinali, timo, lavanda…, è declinato all’infinito per offrire ai visitatori una vasta gamma di prodotti locali. Come l’amlou, che viene offerto agli sposi, e che è una miscela tra miele, olio di argan e mandorle schiacciate.

La festa del miele permette a tutti i professionisti di scambiare e quindi di evolvere le loro pratiche di apicoltura. Un punto culminante di questo dolce tesoro che sostiene molte famiglie e genera un reddito significativo per la regione.

Si può partecipare, a fianco di esperti, a degustazioni di diversi nettari ed eleggere il migliore. I produttori vengono premiati per la qualità dei loro prodotti. Un lavoro complesso e difficile, ma così essenziale.

Grazie alle dimostrazioni sulla produzione del miele e l’allevamento delle api regine, saprete tutto su questo prodotto unico, che è un potente antibatterico fin dall’antichità.

Non perdetevi l’apiario collettivo nei muri di argilla, dove il miele raccolto è distribuito in capanne, di proprietà degli abitanti del villaggio. Approfittate della gita per ammirare i frutteti pianeggianti di ulivi, mandorli e argan. Anche se l’acqua scorre solo in inverno, questa regione montagnosa offre paesaggi sontuosi di rocce e cascate.

Il moussem di impegno in Imilchil

Imilchil è famosa per il suo festival, ufficialmente chiamato il festival dell’impegno, storicamente Souk Aam o Agdoud N’Oulmghenni, che riflette la civiltà berbera di tutti gli Amazigh (tutte le tribù).

Grazie alla tribù di At Yaazza, che è rimasta fedele alla pratica del matrimonio comunitario in mezzo alla transizione al matrimonio individuale. Questo caso ha un carattere esclusivamente culturale in cui si combinano il mitico, il magico e il creativo.

L’intento della festa è semplice: secondo la tradizione islamica, un uomo deve dare del denaro a una donna per sposarla; il valore della dote è spesso dettato dai genitori delle ragazze, che a volte chiedono grandi somme. In occasione di questa festa, tuttavia, basterebbero pochi centesimi per soddisfare questa necessità di dote.

Questo grande moussem (fiera) serve come luogo d’incontro dove si rafforzano le relazioni inter-tribali. La combinazione del festival e del moussem genera una considerevole attività commerciale (in particolare la vendita del bestiame) e il turismo, che fornisce una boccata d’aria fresca alla zona attraverso l’afflusso di turisti nazionali ed europei. Ma c’è ancora del lavoro da fare per rendere questo festival più significativo dal punto di vista culturale.

La presenza di gruppi folkloristici berberi (Khenifra, Midelt, Errachidia, Azrou, ecc.) valorizza il festival Imilchil. L’eco arriva ben oltre le frontiere marocchine, guadagnandosi un prestigio mondiale paragonabile a quello del festival di Woodstock. Il distretto di Imilchil, che comprende una ventina di città distribuite su un’area geografica montagnosa di circa 50 km2, è privo di speranza.

I principali feste in Marocco e nel mondo arabo

Gli eventi che hanno maggiore risonanza culturale nei paesi arabo-musulmani sono quelli che meglio li descrivono. Molti turisti di tutto il mondo sono ispirati dalle celebrazioni religiose e culturali che sono tradizionali o esclusive di determinati paesi. Oltre alle feste religiose, ci sono anche feste pubbliche e festival di ispirazione occidentale.

Feste e festività arabe o legate all’Islam in Marocco

Le date di queste celebrazioni sono fissate secondo il calendario lunare, il che spiega perché l’inizio o la fine del Ramadan varia da un paese all’altro. Ci sono due feste musulmane principali: Eid al-fitr o Eid el-Seghir e Eid al-Adha o Eid al-kabir.

Eid al-fitr segna la fine del digiuno del Ramadan e dura almeno due giorni, durante i quali le comunità si riuniscono e festeggiano. Questa festa araba è anche segnata dalla solennità della preghiera di Eid. È anche tradizionale indossare abiti nuovi e fare regali ai bambini.

Inoltre, c’è la presentazione degli auguri e grandi pasti in famiglia. Eid al-Adha commemora il giorno in cui il profeta Abramo accettò di offrire suo figlio in sacrificio. La festa araba, che può durare diversi giorni, segna anche la fine del periodo di pellegrinaggio alla Mecca. I capifamiglia sacrificano pecore in questa occasione secondo i riti musulmani. I membri della famiglia mangiano un terzo dell’animale, l’altro terzo viene offerto ai bisognosi e l’ultimo terzo è dedicato agli ospiti.

Festival nazionali o specifici del paese in Marocco

Molti paesi del mondo arabo hanno una festa nazionale, spesso segnata da una grande parata e da fuochi d’artificio, per galvanizzare lo spirito patriottico dei loro cittadini. In Giordania, per esempio, il compleanno del re Abdullah II è celebrato il 30 gennaio. In Marocco, la popolazione celebra la rivoluzione del re e del popolo il 20 agosto e la festa della gioventù il 21 agosto.

Inoltre, alcuni paesi hanno feste specifiche per certe città o regioni. È il caso, per esempio, dei moussem in Algeria (come il moussem di Taghit, la festa della raccolta dei datteri a Taghit, un’oasi situata nell’ovest del paese; o il moussem delle tomas ad Adrar…).

Celebrazioni e festival di ispirazione occidentale in Marocco e nel mondo arabo musulmano

Si tratta principalmente di celebrazioni internazionali attraverso le quali le nazioni del mondo arabo-musulmano interagiscono culturalmente con il mondo occidentale. Queste celebrazioni includono il Capodanno, la Festa del Lavoro e la Festa della Mamma.

Feste e celebrazioni internazionali in Marocco

Se quando pensi al Marocco ti vengono in mente il sole e l’ozio, non sei solo. È una destinazione culinaria da non perdere, con le sue piazze e i suoi souk infiniti, oltre al suo magnifico deserto. Ogni anno, ospita una pletora di festival la cui fama si è rapidamente diffusa in tutto il mondo. Ecco una carrellata di questi eventi, che spesso attirano decine di migliaia di partecipanti.

Festival di Mawazine

Quale modo migliore per iniziare se non con il più grande e conosciuto festival marocchino? Dal 2001, Rabat ospita il “World Music Festival” Mawazine. Se il prestigio del festival è cresciuto nel corso degli anni, è in gran parte grazie alle star della musica straniera che hanno gareggiato nel corso degli anni per contribuire ad accendere il pubblico sui sette palchi appositamente costruiti nella capitale marocchina. Ogni anno, il top della musica pop, rap e R’nb, da Sting ad Akon, Mariah Carey e Shakira, si esibiscono sotto i riflettori marocchini, accendendo una frenesia pubblica e mediatica oltre misura.

Il Festival Internazionale del Cinema di Marrakech

Con questo festival che si tiene nella famosa “città ocra” del regno, si dà spazio al cinema e alla settima arte. Ogni anno, riunisce le più importanti celebrità cinematografiche straniere e nazionali, dagli attori ai registi. Il festival incoraggia anche la proiezione di corti e lungometraggi in tutta Marrakech, dai teatri alla piazza Jamaa el Fna. Il premio “Golden Star”, assegnato da una giuria di esperti, viene assegnato alle opere migliori.

Il Festival della Gnaoua di Essaouira

Il Festival e la celebrazione della Gnaoua di Essaouira hanno luogo anche in estate. Riunisce nel nord del Marocco gli amanti e i musicisti della musica gnaoua di tutto il mondo. È anche un’occasione per fondere la musica degli artisti occidentali con la musica tradizionale e magica dei Gnaouis. I noti abitanti del sud del Marocco. Il Festival attira ogni anno centinaia di migliaia di visitatori nella zona turistica della città.

Il Festival di Casablanca in Marocco

Il festival di Casablanca è uno dei migliori festival del Marocco, che si svolge da oltre 15 anni, è strutturato intorno ai temi centrali della musica, del cinema, dell’architettura urbana e degli spettacoli di strada. Un festival che celebra la ricchezza culturale del Marocco riunendo esperti e dilettanti, avventurieri e novizi. In seguito, il festival si è rifocalizzato sui temi del cinema, della poesia e della scultura. È il festival più famoso e frequentato del Marocco, ed è completamente gratuito.

Festival Timitar ad Agadir

Da una dozzina d’anni, il festival Timitar mette in evidenza la musica amazigh-berbera come simbolo della ricchezza etnica e della diversità demografica del Marocco. Ogni anno, un programma di canzoni moderne, spettacoli culturali, laboratori e conferenze sono organizzati nel piccolo villaggio in particolare per l’occasione. Secondo il sito del festival, essi presenteranno “il meglio dei repertori tradizionali e moderni” delle canzoni amazigh.

FAQ su feste e celebrazioni in Marocco

Cosa si festeggia in Marocco?

In Marocco si celebrano feste come; la Festa delle Rose a Kelaa M’Gouna, la festa dei mandorli, il moussem di Tan Tan, il Convoglio delle Candele di Salé e molte altre.

Si festeggia il giorno di San Valentino in Marocco?

Anche se San Valentino non è una celebrazione molto famosa in Marocco, ma ancora molte persone la celebrano con i loro cari.

Si festeggia il Natale in Marocco?

In Marocco, la maggior parte delle persone non festeggia il Natale perché il regno è principalmente un paese musulmano.

Come si chiama Babbo Natale in Marocco?

In Marocco, Babbo Natale si chiama Baba Achour.

Qual è la festa più importante in Marocco?

Ci sono molte feste e celebrazioni importanti in Marocco. Tuttavia, alcune delle principali possono essere Eid Al Adha o Eid Al Fitr così come il giorno dell’indipendenza il 18 novembre di ogni anno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>