Colori del Marocco, pittura e colori naturali

colori del Marocco

Il Marocco è un paese pieno e ricco di colori, pittura e natura. Dal deserto alle montagne, dall’Atlantico alle coste mediterranee, arabi e berberi. Incredibili panorami cinematografici della natura e stradine di città antiche fino agli hammam e alle spiagge. Dal couscous e dalle spezie al tè alla menta e al caffè con cardamomo e anice. Per non parlare dei mercati animati e dei villaggi di pescatori con i gabbiani.

Il Marocco si è sviluppato sotto l’influenza delle culture berbere, arabe ed europee, e oggi gioca il ruolo di una destinazione molto attraente per i viaggiatori. Perché qui, puoi rilassarti sulla costa infinitamente bella, fare escursioni in montagna e attraversare il deserto su un cammello o in fuoristrada. Inoltre, vagare per le città antiche ed esplorare i numerosi musei. E, naturalmente, prendere gigabyte di foto fantastiche, caratterizzate da colori brillanti incredibilmente belli che hanno colorato questi luoghi.

Questi sono i colori del Marocco, il regno sorprendente, sul quale il dio artista ha generosamente cosparso con il suo pennello una tavolozza di colori brillanti. Chiaramente, un paradiso assoluto che aspetta la tua visita! Per scoprire la bellezza del Marocco, è necessario viaggiare con la gente del posto che ti mostri cos’è il vero Marocco. Per questo motivo, Tour Marocco è lì per assisterti e guidarti in tutto il paese.

Colori rossi del Marocco

Il colore rosso è ovunque in Marocco: montagne, canyon e rive precipitose dell’oceano. Nelle vaste distese dove le onde dell’Oceano Atlantico si appoggiano su scogliere rosso vivo e spiagge infinite. C’è un posto speciale, Legzira. Qui, la natura ha creato archi stupefacenti lavati dalle onde dell’oceano nella roccia di argilla.

Enormi archi rosso-arancio si elevano sopra la spiaggia lunga un miglio, riflettendosi nelle pozzanghere e sulla sabbia bagnata. È il luogo perfetto per passeggiare e contemplare lo splendore della natura, che per secoli ha creato un paesaggio fantastico mentre distrugge i frutti del suo lavoro – come se fosse stanca di vedere la gente venire su questa spiaggia per meravigliarsi della sua opera d’arte. Gli archi stanno gradualmente crollando, bisogna cogliere in tempo questo miracolo della natura.

Rosso vivo sono le propaggini meridionali dell’Alto Atlante. Un terreno roccioso bruciato dal sole e spazzato dal vento del deserto dove ti senti come Mark Watney bloccato su Marte. Tutto intorno ci sono pendii e rocce rosse, dalla piccola ghiaia a massi più alti dell’altezza umana.

La fortezza di Ait Benhaddou

In mezzo al paesaggio marziano, si erge la fortezza di Ait-Ben-Haddou. Guardando con i suoi occhi ciechi su torri di argilla rossa la distesa circostante. Lo Ksar Ait-Ben-Haddou è ciò che resta di una città fortificata costruita nell’XI secolo in una valle sulla riva sinistra del fiume Ouarzazate. Centinaia di anni fa qui passava la via carovaniera da Tombouctou a Marrakech. La fortezza sorvegliava i commercianti, i cammelli si rifornivano di acqua e cibo nelle loro gobbe, e la gente tornava alla vita civile dopo lunghi viaggi attraverso le montagne e il deserto.

Oggi è un monumento dell’UNESCO, ma se per un attimo si strizzano gli occhi e si dimenticano i mercanti di tappeti e scialli – i moderni abitanti di Ait-Ben-Haddu, sembra che in lontananza le campane della carovana abbiano suonato. E le porte dell’enorme fortezza stiano per aprirsi. Oltre alle voci urlanti dei mercanti venuti qui dal caldo abbraccio del deserto frusciano.

il colore giallo del marocco

Terracotta

La terracotta è il colore della terra, un bordeaux profondo che vira al marrone. Le montagne di questo colore si trovano nelle profonde Gorges du Dades, vicino alla città di Ouarzazate. Qui, un piccolo fiume sgorga dalle montagne dell’Alto Atlante, lungo il quale si forma la gola del Dades, le cui pareti sono alte fino a mezzo chilometro.

Nella parte larga della gola ci sono piccoli villaggi costruiti con rocce d’argilla di un brillante color terracotta marocchina. Gli edifici si fondono con le montagne, e solo il verde brillante degli alberi e delle palme contrasta con il marrone bordeaux delle case e delle moschee.

Un posto incredibilmente bello, il gioiello rosso del Marocco, da non perdere.

Colori blu del Marocco

La perla blu, Chefchaouen

Il blu in Marocco è un simbolo di protezione contro gli spiriti maligni. Il colore è onnipresente nel Maghreb. Persiane e porte dipinte in varie tonalità di blu contrastano vivacemente con i muri bianchi, i vestiti blu spiccano contro il deserto senza vita.

Il Marocco ospita la città più blu della terra, Chefchaouen o Chaouen. La storia della città inizia nel XV secolo quando l’emiro Moula Ali Ben-Moussa Ben Rachid El Alami fondò la prima moschea e una possente fortezza sulle montagne sul sito di un piccolo villaggio berbero per proteggerlo dagli invasori portoghesi. Ma il blu è apparso a Chaouen dopo l’esodo degli ebrei andalusi dalla Spagna, che hanno trovato rifugio in Marocco, nella piccola fortezza di Chefchaouen. Secondo i precetti biblici, i colori blu e azzurri simboleggiano il Talit (racconti) del sudario di preghiera e ricordano agli ebrei Dio.

Non ci sono più ebrei nell’odierna Chefchaouen, ma la gente del posto continua a dipingere i muri di cobalto.

In questa città ci si sente come in una realtà parallela. Non ci sono altri colori oltre al blu. Anche se ci sono ancora tetti di mattoni luminosi ricoperti di scandole secondo la tradizione andalusa, montagne verdi che sovrastano la valle, e tramonti rosa scortati da turisti della collina vicina, in attesa che le prime luci si accendano sul blu di Chaouen.

la città blu del Marocco, Chefchaouen

Essaouira Magador

Essaouira è una città di barche e porte blu, artisti e musicisti. Così come di tramonti rilassati con vista sul forte e di deliziosi frutti di mare. Il nome Essaouira si traduce dall’arabo come “bella vista”, ed è davvero bella nella sua desolazione coloniale. È bello qui salutare il sole seduti sul tetto del riad, sorseggiando tè alla menta.

Venire al mercato del pesce per il pescato della sera, nascondendo il naso dagli odori in un fazzoletto. Ascoltare i musicisti di strada sulla piazza e sedersi sugli scogli tagliati dalla marea. Oltre a guardare i gabbiani che scorrazzano su una città bianca le cui mura corrono tra le onde dell’oceano da centinaia di anni.

Essaouira era un tempo un grande mercato di schiavi. Gli schiavi duri venivano portati qui dalle profondità dell’Africa per essere trasportati via nave nel Nuovo Mondo. Negli anni ’60 Essaouira era un paradiso per gli hippy. Jimmy Hendrix si sedeva sul parapetto a fumare erba e a respingere i gabbiani impertinenti.

Oggi ci sono folle di turisti e fotografi. La musica rock risuona dai bar la sera, e la mattina i gatti magri passeggiano lungo le strade strette. Lungo le porte blu che portano ai bei riad e alle oasi nascoste dietro le alte mura delle case.

Blu e Touareg

Il blu è il colore tradizionale dell’abbigliamento Tuareg in Marocco. Il famoso turbante Tuareg da uomo. Il Tagelmust può ancora essere visto sui fantini di cammelli e sugli abitanti dei villaggi berberi. I Tuareg sono spesso chiamati “uomini blu” a causa del loro attaccamento al colore indaco.

Secondo le credenze locali, questo copricapo protegge dal “malocchio e dagli spiriti maligni”. Gli uomini non possono mostrare il loro viso in pubblico senza il Tagelmust, e solo ai pasti è permesso di abbassarlo fino al mento. Quando un giovane compie 18 anni, la sua famiglia organizza una festa e gli regala un Tagelmust, dopo di che non gli è permesso di apparire in pubblico senza.

Oggi, i Tuareg indossano turbanti blu il più delle volte durante le feste o per il divertimento dei turisti. E nella vita quotidiana i vestiti possono essere di qualsiasi altro colore. Tuttavia, all’occhio poco esperto, è bello vedere una figura blu brillante che guida una carovana di cammelli turistici, che emerge da dietro le dune come da un mare giallo di sabbia.

Colori giallo e arancione del Marocco

Il colore giallo in Marocco può essere assaggiato. Le arance marocchine sono vendute ad ogni angolo e sono consumate qui in forma liquida. Un bicchiere di succo di frutta per la colazione ti aspetterà invariabilmente in albergo. Ad ogni angolo, i venditori vi inviteranno per un bicchiere di Fraiche. Dato il costo di 1 euro è semplicemente impossibile resistere a un tale piacere. Soprattutto se hai molta sete nel deserto.

Il Marocco ha il suo pezzo delle sabbie gialle del Sahara. E se nella vicina Algeria è una distesa infinita di dune, il Marocco ha una piccola propaggine. L’Erg Chebbi, che assomiglia a un’enorme sabbiera in mezzo a un deserto piatto e pietroso bruciato dal sole.

I colori del deserto di Merzouga in Marocco

Enormi dune gialle, alte centocinquanta metri, come se montagne gialle salissero dall’orizzonte. Non puoi credere ai tuoi occhi quando ti avvicini per la prima volta al deserto. Il tramonto colora la sabbia gialla in tonalità sorprendenti, dall’arancione brillante al rosa delicato.

Quando le ombre delle dune si allungano, si ha la sensazione che l’artista abbia dipinto un quadro con tratti netti, e le persone e i cammelli si sono aggiunti, creando una composizione perfetta.

Verde: Oasi, foreste e montagne

In Marocco, tutti i colori sono volutamente brillanti – i contrasti aspettano ad ogni svolta della strada. È un errore pensare che il giallo e il rosso prevalgano a causa del clima caldo e delle montagne.

Il Marocco è un paese verde e sorprendentemente fertile. Se si va dal deserto a Fes, i paesaggi cambiano ogni cento chilometri lungo la strada. Le montagne diventano più verdi e meno senza vita.

L’enorme canyon che si estende lungo il fiume Ziz è anche un chilometro. Una lunga oasi ricoperta di palme da dattero. Per non parlare di Ksar Lamaarka, un insediamento all’interno dell’oasi di palme, che dal ponte di osservazione sembra un fiume di smeraldo tra scogliere gialle senza vita.

Più in là ci sono prati alluvionali d’alta montagna, letteralmente disseminati di punti di migliaia di montoni. E al di là di essi crescono foreste di cedri dominate dalle ara marocchine. Le montagne verdi cambiano tonalità dallo smeraldo al verde bottiglia scuro. Decisamente, è difficile immaginare che poche ore fa c’era solo un deserto bruciato dal sole.

Alla fine della strada si apre e vortica in un vortice di colori vivaci rumorosi, diversi Fes. E solo dopo essere salito al ponte di osservazione con vista sui tini colorati nelle concerie. Diventa chiaro dove Dio ha ottenuto così tanti colori per dipingere questo incredibile e unico regno del Marocco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>