Vestiti tradizionali di Marocco, costumi e abiti tipico marocchini e altro

I vestiti tradizionali e gli abiti nazionali del Marocco

I vestiti tradizionali e gli abiti nazionali in Marocco, che siano abiti maschili o femminili, sono tenuti e conservati dai marocchini da secoli. Questo mostra chiaramente come i marocchini sono appesi a vari abiti tradizionali. Soprattutto nei matrimoni e negli eventi religiosi, vecchi o giovani, uomini o donne. Non c’è dubbio che l’abbigliamento tradizionale è parte integrante del patrimonio marocchino. Sicuramente, il patrimonio è uno degli ingredienti necessari per la costruzione della civiltà.

In questo articolo, Touring In Marocco vi mostrerà i più bei vestiti e abiti tradizionali marocchini che il popolo del Marocco indossa in occasione di eventi speciali o anche nei giorni normali. Oltre a questo, offriamo tour Marocco a prezzi accessibili per coloro che sono disposti a viaggiare in Marocco per scoprire i suoi colori e vestiti.

Abiti e vestiti famosi in Marocco

Jabador

In origine, il Jabador è un semplice abito indossato all’aperto per fare acquisti al mercato o nei souk. Ma al giorno d’oggi, può essere un abito di alta gamma. Composto da due pezzi. Un paio di pantaloni e una lunga tunica che può essere fatta su misura, con perline e gioielli. Questo abito marocchino è spesso indossato da giovani donne che cercano un equilibrio tra tradizione e modernità. Il Jabador è talvolta preferito al caftano durante le feste o i battesimi. Perché è più pratico e piacevole da indossare… anche dagli uomini.

Il caftano

Il caftano o Takchita apparve nel Maghreb a partire dal III secolo d.C. Costumi ancestrali che risalgono alla civiltà greco-romana. Ha conosciuto nel corso del tempo diversi rimaneggiamenti pur mantenendo attraverso le epoche la sua specificità, vale a dire le sue dimensioni che offrono una grande facilità di movimento.

caftano in Marocco

In origine, l’indumento è costoso, solo i sultani e le loro mogli avevano il privilegio di indossare tali abiti. Infatti, ci volevano mesi per modellare, ricamare e bordare a mano tessuti nobili con fili d’oro e d’argento.

Tuttavia, dal 21° secolo, il caftano è stato ampiamente democratizzato grazie a versioni meno costose. Abito da cerimonia perfetto, è anche indossato dagli uomini.

Il Djellaba

Vero e proprio fenomeno di moda, la Djellaba è ormai apprezzata tanto dagli uomini quanto dalle… donne. In origine, questo costume ufficiale e tradizionale della cultura musulmana era – per il principio di modestia in riferimento al Corano – indossato dagli uomini. Poi è stato realizzato con vari tessuti secondo le stagioni e le feste.

Djellaba marocchina, outfit e abbigliamento

Da allora, la Djellaba si è femminilizzata: è diventata l’indumento più rappresentativo della donna marocchina come simbolo di eleganza e leggerezza. Inoltre, è disponibile in una vasta gamma di stili: corto e scollato per le donne; costume da bagno per i bambini; lunghezza media per gli uomini. Il più delle volte i marocchini lo indossano con le pantofole, il che crea una combinazione perfetta.

Il Gandoura

Il Gandoura, un indumento tradizionale maschile, venduto principalmente durante il mese di Ramadan o durante l’Eid. Esistono due versioni di questo abbigliamento marocchino. In primo luogo, il semplice Gandoura, un abito lungo e largo di cotone con maniche corte. In secondo luogo, c’è il M’likh, due Gandoura con maniche lunghe sovrapposte. Quest’ultimo è di qualità molto migliore, più elegante del semplice Gandoura perché è cucito a mano.

I Babouches

Il Babouche o “Belgha” è fatto secondo un know-how ancestrale. Molto spesso, le pelli provengono dalle concerie della Medina di Fes. I suoi modelli e le sue forme differiscono da una regione all’altra. Ancora oggi, rimane la “scarpa” più indossata perché è leggera e pratica, rappresentando tutta un’arte di vivere. La gente in Marocco la disegna per essere facilmente rimossa, permette anche la ventilazione naturale del piede. La Babouche, simbolo del tempo e della riflessione, è l’opposto della scarpa sportiva che rappresenta la corsa e la velocità.

Tradizionalmente, è cucito a mano da un operaio che ne fa solo un paio al giorno. Ci sono due tipi di scarpe. Da un lato, ci sono le scarpe arabe con le punte appuntite per gli abitanti della città. E dal secondo lato, le scarpe berbere con punte quadrate o rotonde per la gente di campagna. Rimane essenziale per l’ornamento dei matrimoni e delle feste religiose. I puristi scelgono un giallo brillante e preferibilmente fatto a Fes.

Il Tarbouche

Il Fes o “Tarbouche di Fes” è un copricapo maschile fatto di lana, quasi sempre rosso, e che prende il nome – come indica il suo nome – dalla città di Fes. Rigido, conico e di forma alta, i marocchini lo indossano con abiti tradizionali e pantofole nei giorni di festa.

Marocco vestiti tradizionali Sahrawi

I Saharawi non hanno difficoltà a svolgere qualsiasi compito, per quanto complesso, indossando i loro abiti tradizionali. Si potrebbe pensare che questi vestiti sarebbero un ostacolo ai loro movimenti durante il giorno. Ma non è affatto così. I Saharawi svolgono le loro attività nel modo più normale possibile.

Gli uomini e le donne delle province meridionali hanno abiti speciali di vari tipi e modelli. L’uomo indossa la Darâa mentre la donna indossa ufficialmente la Melhfa.

I costumi tradizionali delle regioni desertiche sono comodi e adatti al deserto, poiché sono progettati per adattarsi al clima caldo e secco. La maggior parte di questi indumenti sono ampi e leggeri e in colori estivi e aperti che si adattano al clima del deserto.

Abiti e vestiti tradizionali marocchini, tutto sul Marocco

Caratteristiche degli vestiti tradizionali saharawi in Marocco

In generale, l’abbigliamento per entrambi i sessi è caratterizzato da modestia, decenza, umiltà, dignità, buon gusto e semplicità. Il saharawi non ha problemi a lavorare mentre indossa i suoi abiti tradizionali, il che potrebbe riflettere una contraddizione tra l’abito strascicato e la flessibilità che i compiti pratici richiedono.

Gli abitanti delle province del deserto del Sahara sono molto attaccati ai loro costumi tradizionali tramandati da una generazione all’altra e riflettono il ricco patrimonio dei nomadi della regione.

Questi abiti tradizionali del Marocco sono tra i costituenti culturali più importanti della società locale. Una connotazione del suo carattere culturale distintivo, e allo stesso tempo un riflesso della storia, del patrimonio e dei costumi. Non c’è dubbio che l’abito tradizionale e la cultura dell’abbigliamento sono di particolare importanza nella società delle tribù del Sahara marocchino. Perché influenzano il sentimento e la passione. In effetti, l’abbigliamento sahariano resta una caratteristica della famiglia a livello locale e si caratterizza per la semplicità della fabbricazione.

Il design del costume tradizionale è stato influenzato dalla religione, dal clima e dalla civiltà. Per esempio, le donne tengono la Melhfa perché corrisponde alle istruzioni della religione e dei costumi, e le abitudini della regione. E raggiunge i suoi obiettivi di decenza e di modestia come pilastro fondamentale della comunità beduina sahrawi marocchina.

Il Darâa

Il Darâa è uno dei costumi popolari che indossano gli uomini del deserto. Si tratta di un’ampia tunica aperta su entrambi i lati. C’è anche un’apertura sul petto con una tasca chiamata “Ellebna”. È disponibile in due colori: bianco o blu. Inoltre, ci sono i pantaloni “Kchat” attaccati a sottili cinture di cuoio, e poi i pantaloni “Stembel”. Pantaloni larghi dello stesso colore del Darâa largo sul lato delle natiche e si assottiglia in direzione della metà della gamba. Il suo prezzo parte da 300 DH.

Il litham

Dati i suoi vari usi e benefici, è il pezzo più importante dei componenti di un uomo sahrawi, che lo usano in diversi compiti. L’uomo sahrawi usa il Litham per proteggersi la testa e il viso dal calore e può essere usato come un lenzuolo leggero quando dorme in estate. O anche come asciugamano dopo le abluzioni per lavarsi il viso o le mani. Lo usano anche come benda per le ferite, come corda per legare i cammelli o per attingere acqua con i secchi dai pozzi. Inoltre, i sahrawi lo usano a volte come cestino quando fanno la spesa, questo oltre al suo valore aggiunto ed estetico che accompagna l’indossare la Darâa.

La Melhfa

È un indumento di circa quattro metri di lunghezza e la sua larghezza non supera i 160 centimetri che la donna saharawi indossa ovunque vada. Tuttavia, le Melhfas non sono tutte uguali, ci sono quelle dedicate alle feste e alle cerimonie e quelle che si indossano tutti i giorni. Allo stesso modo, c’è una distinzione e una differenza tra la Melhfa di una vecchia donna sahrawi e quella di una giovane donna. Mentre i prezzi variano secondo la qualità del tessuto e sono tra i 50 e i 2.000 DH.

In passato, le ragazze sahrawi avevano un vestito simile alla Darâa, composto da due pezzi di due colori diversi, blu e nero, con una sola “treccia”. Tuttavia, all’età della maturità, la ragazza indossa la Melhfa. Tuttavia, le mutazioni che la società locale ha conosciuto hanno influenzato quest’ultima. Le giovani ragazze in Marocco optano sempre più per vestiti tradizionali colorati invece del nero, che ha dominato per diversi decenni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>