Arte e architettura marocchina, stili tradizionali e moderni

Arte e architettura marocchina

Il Marocco è un paese affascinante, una vera favola orientale – misterioso, romantico e quasi magico. Il Marocco deve il suo carattere caratteristico soprattutto a una fusione unica di culture e a un ricco patrimonio storico. Negli ultimi anni, l’interesse per l’arte e l’architettura marocchina è aumentato notevolmente, soprattutto nel settore privato. Allora, quali sono le particolarità di questa tendenza e perché è considerata unica? Cercheremo di scoprirlo qui di seguito.

Il Marocco è situato strategicamente nella parte nord-occidentale dell’Africa, con accesso sia al Mar Mediterraneo che all’Oceano Atlantico. Con la sua vicinanza all’Europa e all’occidente in generale, il Marocco si trova in una posizione davvero importante dove l’est e l’ovest si incontrano.

La Mauritania, la prima nazione indipendente al mondo, fu fondata nel 110 a.C. e popolata da berberi, le cui pratiche culturali e religiose posero le basi del Marocco moderno. I berberi usavano i mattoni di fango per costruire le loro costruzioni, e anche se queste strutture avevano bisogno di continui rinnovi e ristrutturazioni, questo stile di architettura alla fine divenne la norma in Marocco.

Il Marocco non era originariamente un paese musulmano, ma è stato l’Islam che ha influenzato lo stile di vita e la cultura marocchina più di qualsiasi altra religione. L’eleganza e l’ornamentazione dell’architettura musulmana con le sue piastrelle, fontane, disegni geometrici e ornamenti floreali sono diventati il segno distintivo del Marocco tradizionale nella nostra percezione moderna.

Sei interessato a un tour per scoprire l’architettura e l’arte marocchina?

Se siete interessati a un tour in Marocco per scoprire la sua architettura, l’arte, le attrazioni, i colori, le città e gli edifici, Tour Marocco offre il migliore e più conveniente Marocco deserto e tour della città. Contattateci ora per un’esperienza indimenticabile!

Ecco le principali caratteristiche della tradizione musulmana nell’architettura e nell’arte marocchina:

Piastrelle di ceramica:

Le lastre di cemento, conosciute anche come “zellige” (zellige, zillij, zellij), sono piastrelle arabe di argilla smaltate (da non confondere con i mosaici). Grazie ai persiani, questo tipo di arte musulmana decorativa-applicata si fece strada in Marocco. La piastrella veniva usata per rivestire le superfici interne ed esterne degli edifici, così come la piastrellatura di vari oggetti domestici e decorativi come cisterne, vasi, fontane e piatti. L’arte della piastrella fiorì durante l’epoca ispano-moresca.

Piastrelle di ceramica del Marocco

I Mori conquistarono la Spagna all’inizio dell’VIII secolo, insegnando agli europei un nuovo modo di smaltare la ceramica. Uno smalto bianco opaco e uno smalto multicolore con una lucentezza di madreperla.

Entrambi i metodi erano ampiamente utilizzati dagli artigiani ispano-moreschi. La smaltatura multicolore in madreperla, d’altra parte, è considerata un segno distintivo della ceramica musulmana. In parte perché l’oro e l’argento, che erano comuni nell’antica Roma, in Persia e nella cultura cristiana medievale, erano strettamente proibiti nel mondo musulmano.

Fontane:

L’acqua era molto importante in Marocco anche prima dell’adozione dell’Islam. Tuttavia, con la conversione all’Islam e la necessità di fare abluzioni rituali prima delle preghiere, è iniziata la costruzione massiccia di fontane urbane per l’uso gratuito delle persone.

Il Marocco ha ora moschee e fontane grazie alla nuova religione. Le moschee marocchine, d’altra parte, si distinguono dalle moschee convenzionali in quanto non si affacciano sulla Mecca, la città più santa dell’Islam e il luogo di nascita del profeta Maometto.

Architettura marocchina design e arte

Disegni geometrici:

Aspetti della cultura musulmana includono disegni geometrici e ornamenti vegetali. A causa della proibizione religiosa di raffigurare persone e animali, linee rette, angoli retti e disegni lineari floreali. Conosciuti anche come arabeschi, sono diventati una parte importante dell’arte decorativa islamica. Le radici e la diffusione degli arabeschi come elemento decorativo sono affascinanti da conoscere. Gli storici della cultura hanno scritto seri fogli sull’argomento per quasi due secoli, collegando gli arabeschi agli stili romano, egiziano e cinese. Contrastando e separando arabeschi orientali e occidentali, e confermando e negando implicazioni religiose nell’uso di tali ornamenti.

Nella tradizione islamica e specialmente in Marocco, l’architettura geometrica è un complesso mosaico ripetuto di quadrati, cerchi e angoli intrecciati.

I motivi geometrici si trovano nei kilim, nei tappeti di lana e di seta, tra altri tipi di arte e architettura islamica marocchina. Il Girih (persiano per nodo) è un motivo intrecciato composto da poligoni e linee che può essere visto su tessuti, facciate, incrostazioni e copertine di libri, tra le altre cose.

I Mukarnas sono delle volte decorative a forma di api a nido d’ape a forma di cavità piramidali.

L’influenza della Spagna sull’arte e l’archetettura marocchina:

L’arte e l’architettura marocchina (e del Maghreb) sono state fortemente ispirate dagli spagnoli. Per più di sette secoli a partire dall’ottavo secolo, i mori (nordafricani), gli arabi e i berberi controllarono gran parte della penisola iberica, stabilendo molti emirati musulmani sotto il nome territoriale comune di Al-Andalus.

Quando la Reconquista finì nel 1492, gli stati cristiani guadagnarono potere e reclamarono le loro terre, e i cristiani lanciarono un’invasione dei territori moreschi del Nord Africa.

Gli spagnoli insegnarono ai mori come fare un tetto con tegole sovrapposte.

Gli archi sono diventati comuni nell’architettura e nell’arte locale dopo la loro introduzione, e da allora sono diventati una parte importante dell’architettura e dell’arte marocchina. In Marocco, ci sono due stili di archi. In primo luogo, gli archi a forma di ferro di cavallo e gli archi a forma di buco della serratura a punta, che sono conosciuti come archi moreschi. Gli archi sono comunemente utilizzati nell’architettura e negli stili artistici marocchini. Sarà un arco se è un’apertura di porta o di finestra, un’alcova o un punto d’entrata. Le porte interne marocchine sono spesso un po’ esagerate, essendo leggermente più larghe dell’apertura e riccamente decorate con intagli, intarsi o fusioni. Le finestre, d’altra parte, non sono mai visibili.

Porte, architettura e arte marocchina

Gli archi si trovano sia durante l’occupazione araba che in altri paesi arabi, non solo nel Marocco stesso, ma anche nell’architettura spagnola.

Parchi e giardini marocchini:

La famosa Alhambra, un parco e giardino unico, un gioiello dell’architettura moresca, a Granada, in Spagna. I giardini dell’Alhambra in Marocco sono oggi un modello per i giardini urbani e privati.

In Marocco, come in ogni paese musulmano, i giardini hanno sempre un atteggiamento speciale, poiché il giardino è una versione terrena del paradiso coranico. In Marocco e in particolare a Marrakech, sulla frontiera del deserto, la comparsa dei Jardins moreschi è un fenomeno naturale. Gli antichi berberi servivano come pascoli invece di un luogo di riposo o di coltivazione di alberi da frutto nei giardini storici. Questi paesi sono sempre stati una zona di particolare cura e attenzione. Il giardino berbero di Marrakech originariamente copriva circa 500 ettari, la stessa dimensione della medina originale, la città vecchia.

Nel 1912 fu istituito un protettorato francese in Marocco. I francesi iniziarono un’attiva costruzione di ferrovie, investimenti in minerali naturali e commercio internazionale. Le città si stavano sviluppando rapidamente, con regolamenti governativi sullo sviluppo urbano: nessun edificio su più di quattro piani doveva essere tutto costruito. Il giardino o il patio doveva utilizzare il 20% del terreno assegnato all’edificio, gli edifici vicini non dovevano essere sovrastati da balconi, e il tetto di tutti gli edifici doveva essere piatto. Le nuove esigenze hanno contribuito al boom edilizio e alla normalizzazione dell’urbanizzazione. Per il Marocco, tutti questi requisiti di sviluppo urbano sono ancora rilevanti.

Gli stili etnici elevati sono oggi popolari quanto il minimalismo scandinavo o la Provenza francese. L’interno marocchino può essere uno degli interni più desiderati e riconoscibili.

Stili dell’arte e dell’architettura marocchina:

Lo stile marocchino include elementi di molti background culturali, quindi il decoratore moderno può leggere questa storia liberamente; per esempio, si può sempre aggiungere un po’ più di francese e cambiare l’arabo. Un interno, non è un set teatrale, ci vuole un indizio per rendere il sole marocchino una parte della vostra casa, solo alcune distinzioni da ricordare. E quali dettagli e accenti scegliere sono, come si dice, una questione di gusto.

Mosaici (o finti mosaici), stucco, gesso, legno, tessuti, piastrelle di ceramica, tappeti e stuoie, infissi in ferro battuto. E uno schema generale policromatico che mescola colori freddi e caldi sarà presente nella collezione marocchina.

I colori tradizionali marocchini sono toni caldi della terra come ocra, terracotta, ambra, marrone, arancione e sabbia. Blu, ultramarino, verde smeraldo, turchese e bianco in variazioni contrastanti sono anche considerati comuni. Possono essere usati colori d’accento come il rosso, l’oro e il viola.

Pareti e pavimenti

L’architettura e l’arte marocchina sono sia realistiche che grafiche. I pavimenti in pietra sono stati tradizionalmente utilizzati nelle case per evitare il calore del giorno e della notte. Il granito ceramico o le piastrelle di ceramica sono ora utilizzati come sostituti della pavimentazione in pietra. Tappeti e kilim in lana naturale e seta, tessuti in diverse tecniche, sono utilizzati per decorare i salotti.

Il Tadelakt, un intonaco minerale marocchino lucido che assomiglia a un taglio di pietra naturale, è spesso usato per i trattamenti murali. Il Tadelakt è una tecnologia marocchina che risale a molti secoli fa. Fatto interamente di sabbia e calce trovata vicino alla città marocchina di Marrakech. Era usato per decorare i palazzi della nobiltà.

L’intonaco Tadelakt marocchino veniva applicato solo da maestri artigiani di altissimo livello con anni di esperienza. Vari coloranti naturali come lo zafferano, l’ocra e il cobalto venivano applicati alla miscela per ottenere una varietà di colori. Ecco perché la miscela Tadelakt non aveva additivi sintetici.

Il Tadelact si è rapidamente diffuso in tutto il mondo, ma è più amato in Europa.

Le case marocchine spesso usano pannelli di legno traforati e schermi con arabeschi tradizionali intagliati o disegni geometrici per decorare le pareti. Le nicchie interne costruite con archi moreschi sono un modo eccellente per organizzare lo stoccaggio e dividere lo spazio in una casa.

Mobili

I mobili marocchini consistono in tipi morbidi e delicati come divani, divani, pouf, pouf e persino cassapanche. Tutti i quali sono decorati con una moltitudine di cuscini decorativi e coperte in colori vivaci e disegni contrastanti. I cuscini erano spesso usati piuttosto che i mobili, quindi il loro aspetto e la loro abbondanza sono tradizionalmente validi.

La zona notte della casa aveva un significato sacro. Per proteggersi dal sole del sud, il letto era spesso posto al centro della stanza su una piattaforma alta sotto un baldacchino o un baldacchino di seta o di organza. Il più delle volte, il telaio del letto era forgiato.

I cassetti e le nicchie sono utilizzati per lo stoccaggio.

Articoli decorativi

Che si tratti di tappeti, vassoi, scatole, paraventi, portacandele o vasi, gli oggetti decorativi sono sempre fatti a mano in Marocco. Non troverete mai due lampade o kilim identici in un mercato di Fes o Marrakech. Questo è il bello degli interni marocchini: sono sempre unici.

Lampade marocchine, architettura moderna

Nelle famiglie marocchine, le stoviglie sono spesso usate per la decorazione. Vassoi, pentole e piatti di servizio in oro, argento, bronzo e ceramica, vasi cavi e piatti di caramelle sono collocati su scaffali di nicchia, tavolini bassi o semplicemente sul pavimento o sulla tromba delle scale.

Vale anche la pena ricordare le lampade marocchine. Un vero interno marocchino è incompleto senza le lampade tradizionali. Il ferro battuto traforato delle lampade e il vetro multicolore intarsiato diffondono delicatamente la luce e danno allo spazio una sensazione decisamente orientale.

Soffitti

Gli interni marocchini hanno la tendenza ad avere soffitti alti e a più livelli. Nella maggior parte dei casi, il soffitto è dipinto di bianco o di terracotta. L’azzurro è rappresentato dal blu o dal turchese, che è spesso usato nell’interior design.

La pittura e la modanatura in gesso nei tipici colori e ornamenti marocchini, che riecheggiano i motivi dei tappeti, sono forse lo stile di soffitto più caratteristico e colorato.

architettura moresca, edifici famosi in Marocco

l’architettura e l’arte marocchina sono estremamente adattabili. Sono adatti a un piccolo appartamento di città o a una grande tenuta di campagna. Come sempre, si tratta di creatività, improvvisazione e buon senso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>