La prigione qara del Marocco a Meknes

Durante il regno del sultano Moulay Ismael fu istituita la prigione di Qara a Meknes. Un labirinto sotterraneo pieno di storie, aneddoti e persino miti…

Quante leggende circondano la storia della prigionia di Qara? Il luogo, nel centro di Meknes, è una macchina del tempo. Fu costruito all’epoca del sultano Moulay Ismael (1672-1727), la prima dinastia alauita a governare il Marocco.

I detenuti reggono.

La prigione di Qara si trova in un campo chiuso tra la famosa Place Lehdime e Place Lalla Aouda, a destra della tomba di Moulay Ismael. Le sue denominazioni erano difficili da capire: a volte era chiamata “prigione dei cristiani”, altre “Sirdab” (“cantine” in francese). Il nome “Qara” deriva da un prigioniero portoghese che avrebbe negoziato il suo rilascio con il sultano in cambio della costruzione di una prigione capace di contenere fino a 40.000 persone. La costruzione fu completata.

A un primo esame, solo alcune aperture indicano la presenza sotterranea del luogo misterioso. Il cuore si stringe non appena viene completato il primo labirinto, gli occhi si adattano gradualmente all’oscurità e un senso di pesantezza schiaccia lo stomaco. Senza le rare luci sparse per la prigione, i visitatori possono rapidamente perdersi negli interminabili passaggi. Inoltre, sulle pareti rimangono visibili delle iscrizioni, come impronte permanenti del passaggio delle anime perdute in questo luogo desolato.

Secondo la leggenda, in passato la prigione si estendeva per centinaia di chilometri. Secondo la tradizione, le mura del penitenziario si estendevano fino a Taza, vicino a Fez. Furono costruite in cemento per evitare che le persone si perdessero nel labirinto che è questo luogo. Tuttavia, un’altra storia sostiene che un gruppo di studiosi francesi si perse lì, costringendo la chiusura di sezioni significative della prigione.

Vedere anche: Kasbah in Marocco, le fortezze più visitate

Forza e fermezza.

La “prigione cristiana” era la prigione ufficiale del sultano Moulay Ismael, costruttore della città imperiale. Era una rappresentazione della sua durezza e forza. Era collocata a pochi metri dal padiglione degli ambasciatori, dove si riunivano i negoziatori per salvare i prigionieri stranieri del Sultano.

Il canale France 2 afferma addirittura, in un programma su Moulay Ismael, che il destino di una dozzina di detenuti francesi fu negoziato sopra di loro nel famoso padiglione. Per comprendere meglio questi discorsi, si consideri il seguente evento storico: Le navi europee e i prigionieri venivano spesso catturati in mare durante l’epoca d’oro dei saccheggi. Il re di Francia aveva inviato tre volte missioni per recuperare gli ostaggi senza successo.

Ma che dire della vita quotidiana dei detenuti?

l'ingresso del qara priso

Secondo la rivista Le Zamane, i prigionieri venivano gettati nella prigione attraverso un foro sopra la struttura. Allo stesso modo, il pasto veniva consegnato loro attraverso una piccola apertura. I detenuti, che erano stati condannati ma non uccisi, non sono sopravvissuti. Dormivano sul pavimento. I più fortunati possedevano pelli di capra per rendere il loro sonno più piacevole. Le loro giornate trascorrevano lavorando duramente, sollevando grandi carichi e distruggendo muri. I prigionieri stranieri giocarono un ruolo fondamentale nella costruzione delle mura della città imperiale. In seguito, la prigione di Qara fu trasformata in una sorta di granaio per resistere alle dure condizioni o alle crisi che affliggevano Meknes.

Orari di apertura.

Se volete andare alla prigione di Qara, l’orario è dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. L’ingresso alla prigione costa dieci dirham e il labirinto sotterraneo dura circa 20 minuti.

Dove alloggiare a Meknes.

Booking.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>